La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

domenica 23 dicembre 2007

Italia vecchia e povera - Veneto disastrato!

A volte, certe affermazioni, sono ridicole, specie quando fatte da politici che hanno dimenticato la dimensione paese.
Dice il Times dell’Italia:“Vecchia e povera” , così il quotidiano inglese definisce l’Italia nel reportage da Roma. L’articolo mette in evidenza come gli standard di vita italiani siano finiti dietro a quelli spagnoli.
Risponde Romano Prodi: “E’ singolare che questo articolo esca proprio quando i dati sull’export evidenziano come l’Italia avrebbe superato la Gran Bretagna.” (fonte La Repubblica del 23 dicembre 2007).

Purtroppo è la miopia di politici che fanno dello sciacallagio sociale il fine della loro attività. Romano Prodi dovrebbe vergognarsi. Lui è il Primo Ministro, il capo del Governo del Paese, non di un’organizzazione economica che traffica in schiavi. Qual è il prodotto dell’Italia? Migliaia di morti sul lavoro, uccisi da attività di terrorismo ad opera dell’organizzazione di Montezzemolo. Migliaia di gambizzati. Terrorismo diffuso su tutto il territorio favorito e alimentato dalla complicità di magistrati corrotti e criminali che trovano la protezione per la loro attività in un’attività omertosa del Consiglio Superiore della Magistratura che concepisce la sua attività di “autogoverno dei giudici” allo stesso modo e con la stessa morale con cui Totò Reina e Provenzano consideravano la “cosa loro”.

Lo sciaccallaggio che avviene nella società civile non è rivolto nei confronti dei profitti dell’associazione di Montezzemolo, ma ha finalità di saccheggio delle persone e del loro essere dei soggetti di diritto Costituzionale. Questo è il declino dell’Italia. Un declino che il cattolico Romano Prodi e la sua banda clericale stanno alimentando aggredendo in tutti i modi la società civile attraverso il finanziamento (diretto ed indiretto) dell’oscurantismo criminale di Ratzinger. Prodi (come Berlusconi prima di lui) lo sta finanziando, e i magistrati agiscono contro i cittadini per assicurarsi ingiusti e vili profitti personali. Il governo finanzia l'attività criminale nella società civile di ratzinger e i magistrati curano i loro interessi personali e non gli interessi delle Istituzioni e della società civile.
Quel bubbone tumorale di Gentilini e di Gobbo e della loro nazista razza Piave sono ancora là. Continuano a costruire odio sociale con la complicità della procura della Repubblica di Treviso, della Procura della Repubblica di Padova dove, un criminale come Pietro Calogero che avrebbe dovuto essere in galera per i suoi atti di terrorismo se non fosse per la complicità del Consiglio Superiore della Magistratura organizzato in associazione a delinquere che gli consente di affiancare e proteggere il razzismo di gentaglia come Rossella Olivo, Lino Ravazzolo, o i sindaci di Caravaggio BG o il sindaco di Milano che fa dell’odio contro i bambini un suo modo operandi. Come i preti cattolici stuprano bambini, così il sindaco di Milano detto Letizia Moratti sputa e violenta i bambini di irregolari e clandestini al fine di farne degli emarginati per poi vendere e usare come bestiame umano per spacciare droga, rubare o buttare dalle impalcature.
Certo che l’Italia è vecchia e povera e i trafficanti di schiavi hanno superato la Gran Bretagna nelle esportazioni. Sempre vecchia e povera è una nazione dove Romano Prodi si compiace di aver ammazzato 6 persone nell’acciaieria andata a fuoco: quali provvedimenti ha preso perché le persone non morissero? Quanti vantaggi ha dato all’organizzazione di Montezzemolo affinché alimentasse gli omicidi sui posti di lavoro? E non dica, sia questo che il governo precedente, di non aver dato denaro e agevolazioni agli industriali per consentire loro di ammazzare più agevolmente persone sui posti di lavoro, vessare i più deboli, manifestare razzismo ed odio nei confronti di chi non si mette in ginocchio davanti al dio assassino di Ratzinger: ha forse il Governo chiesto sicurezza in cambio del denaro che Prodi e Berlusconi hanno dato agli industriali, sia direttamente che attraverso agevolazioni? Hanno forse tagliato i finanziamenti ad uno come Galan o Zaia che spargono razzismo ed odio religioso?
No, non lo hanno fatto. E non lo hanno fatto per complicità, come per complicità i magistrati non arrestano e non inquisiscono queste persone.
Ha ragione il Times. Un paese vecchio e in decadenza grazie a chi sputa sulla Costituzione, a chi aggredisce i cittadini impunemente, a chi attenta alle Istituzioni per garantirsi i propri profitti, a chi sparge odio sociale.
Siamo alla demenza generalizzata in un paese allo sbando vecchio e povero.

Un paese che invoca metodi da SS e metodi da inquisizione cattolica:

Le chiese del Nord Est: «Uniamo le forze per formare sacerdoti esperti contro il male»
L’alleanza dei vescovi per l’esorcismo
Luca Maragnoli
Iniziativa della Conferenza episcopale dopo l’allarme proveniente dalle singole diocesi Don Maffeis: «Il male esiste, però evitiamo di mettere etichette a chi è in difficoltà»

TRENTO. Un’alleanza tra le chiese del Nord Est contro il maligno. I vescovi del Triveneto, riuniti a Zelarino, in provincia di Venezia, hanno deciso di unire le loro forze per aiutare “i fedeli in grave situazione di sofferenza, attraverso la presenza di sacerdoti ed esperti”, ricorrendo “ove necessario, all’esorcismo”. Una riflessione su questo tema che - informa la Conferenza episcopale - è partita “dalle esperienze delle singole diocesi”. L’esorcismo viene praticato da anni in Trentino, dove esiste un sacerdote incaricato dalla Curia.I vescovi hanno preso in esame l’esorcismo “sia dal punto dottrinale che pastorale”, quindi anche pragmatico. Da Venezia dunque arriva una nuova legittimazione, l’imprimatur delle gerarchie ecclesiastiche per una pratica che talvolta è sembrata essere relegata ad un ambito quasi carbonaro. Se il diavolo esiste, e la Chiesa lo ha affermato in più occasioni anche in tempi recenti, bisogna combatterlo e per farlo serve personale specializzato.I sacerdoti ed esperti incaricati di accompagnare i fedeli sofferenti - spiegano i vescovi - devono essere “sempre più preparati ad affrontare le richieste di aiuto”. La prima fase dovrà essere quella “di ascolto e discernimento dei singoli casi per definire la vera natura del disagio”, allo scopo di capire se esso derivi da “motivi di carattere psichico-psichiatrico o superstizione o reale azione del maligno”. A quel punto, a seconda dei casi, si passerà alla cura medica o all’esorcismo. La Chiesa trentina si è già attrezzata da una decina d’anni, incaricando un sacerdote giudicariese. «E’ lui l’esorcista unico a livello di diocesi trentina. E’ un mandato che ha ricevuto dal vescovo», precisa don Ivan Maffeis, responsabile dell’ufficio stampa della Curia.Quanto è avvertito il disagio di cui parlano i vescovi? «Credo sia importante definire la vera natura del disagio. Non bisogna vedere il diavolo ovunque. Occorre muoversi con molta cautela per rispetto della sofferenza delle persone e anche per ricondurre questa sofferenza a quelli che sono i motivi reali», precisa il direttore di Vita Trentina. «Nelle nostre famiglie la sofferenza psichica è reale e diffusissima: bisogna riconoscere ciò che è di competenza dello psichiatra e del medico evitando di sostituirsi ad esso».Ma esistono persone che sono realmente possedute dal maligno? «Non vorrei gravare coloro che soffrono di altri sensi di colpa o dar loro l’idea che siano indemoniate. Per questo il vescovo incarica qualcuno, che ha una profonda spiritualità ma anche un profondo senso del limite. Io sono convintissimo che la realtà del male esiste e non va sottovalutata: se noi traduciamo la parola diavolo capiamo che è il contrario di dialogo, cioè tutto quello che divide. La persona da Dio, la persona dagli altri, ma anche la persona interiormente. Visto però che il disagio psichico è pane quotidiano, come Chiesa dobbiamo evitare di mettere etichette. Laddove il medico riconosce che la natura del disagio è un’altra, allora interviene anche l’esorcista. Ma questo non toglie le responsabilità di tutti noi nel cercare di costruire una qualità di vita diversa».
(17 dicembre 2007)
Ha torto Romano Prodi. Romano Prodi ha offeso il paese. E' vero che mai come Prodi un premier si è dato tanto da fare per cucire i rapporti con i governi stranieri e favorire le relazioni economiche-industriali, ma questo diventa una colpa se a farne le spese sono i diritti sociali dei cittadini. Se la Spagna supera economicamente l’Italia ciò è dovuto per la diversa relazione che esiste fra cittadino e società civile. Quando le Istituzioni sono occupate da persone che si preoccupano solo del loro tornaconto personale, come avviene per i magistrati, e per i politici nazisti, questo paese è destinato a regredire.
Come sta avvenendo per l’Italia.
Quando Prodi e le persone nelle Istituzioni offendono la Costituzione, il declino dell’Italia è inevitabile. Ma non dell’Italia come insieme di schiavi che producono merci da esportare, ma dei cittadini che legittimano le Istituzioni!
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo