La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 10 gennaio 2008

Arlechin batocio,

E’ arrivato il mio giorno
Lo avessi saputo,
Quanto più ardore avrei messo nei miei gesti,
Con quanta più passione avrei amato il mondo
Ora non c’è più tempo.
Lo senti il suono dei cavalieri?
Senti sbattere spade e sventolare stendardi
(illusi, vi aspettavate che parlassi di bombe e di mitra)
Votan ha aperto le tombe
E tutti sono pronti per la battaglia!

I Benandanti ci aspettano
Per ricacciarci nell’oblio de le tombe
Semo là, nel pra’ de Giosafà
Venu fora da le tombe con Votan a la testa

Tuto tase, el tempo se ferma
E se guarda ne’i oci
Oci che no vede forma

Tuto tase, tuto xe fermo
Manca uno, manco mi!
Xe vegnu’ el me momento
E Votam me ciama, ma la me man trema.
I xe vegnu’ fora da e tombe e mi dovaria star con lori?

Po’ vardo meio
No iera tombe, iera uteri, iera ovi, iera semensa
Ombre de quel che podria esser
Alora go capio
E slongo la man
Me meto a’ maschera de’ Arlecchin Batocio
(si, queo sordo de na recia e orbo de un ocio)
E me buto nel mucio, nel prà di Giosafà con Votan.

Peccato che la piana di Giosafà sia “uno spazio nel tempo”
Da cui si dispiega il futuro.

“Servo vostro!”

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it