La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

venerdì 11 aprile 2008

Meccanismi ed effetti del degrado nel Veneto: Padova!

Per continuare a parlare del degrado del Veneto è importante riportare alcune piccole notizie provenienti da Padova.
-
Prese dal riassunto della prima pagina de Il Gazzettino di Padova del 11 aprile 2008:


“Oltre quattro ore di interrogatorio. Erano le 15, 30 ieri pomeriggio quando l'imprenditore Federico Caporello è uscito dall'ufficio del pubblico ministero Paolo Luca. Era molto provato. Stanco, ma meno teso di quando in mattinata gli agenti della polizia penitenziaria lo avevano accompagnato in Procura.”

“Continua la bufera sull'ex parroco di Monterosso. Don Sante registrava puntualmente entrate e uscite, in rendiconti memorizzati su diversi file dei suoi cinque computer che sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza e dalla polizia municipale di Abano Terme: quattro portatili e un fisso.”

“Foto, filmati, forum, e migliaia di contatti: dallo scorso maggio il sito web dell'associazione Sos Padova è diventato una trafficatissima bacheca virtuale, una specie di YouTube dedicato esclusivamente ai problemi del degrado e della in-sicurezza di Padova.”

“Controllo a sorpresa di poliziotti e carabinieri al Libor club di Cinto Euganeo, fra ragazze discinte e clienti imbarazzati. Le forze dell'ordine si sono presentate nella tarda serata all'ingresso del locale, per un'operazione mirata ad evidenziare eventuali mancanze amministrative e magagne sanitarie.”

“Ogni settimana, almeno 7-8 adolescenti finiscono in coma etilico. Bevono tanto, e cominciano sempre più giovani: la media è a 14 anni, per i superalcolici.”


Sono cinque notizie che delineano il quadro sociale e morale della città di Padova. Una degenerazione sociale che è destinata ad ampliarsi dato il terrore che la chiesa cattolica impone ai cittadini.
Il Don Sante con la Guardia di Finanza!
Domanda: la Guardia di Finanza ha messo sotto controllo tutti i parroci del Padovano o solo quei parroci che sono dissidenti nei confronti della Chiesa Cattolica?
E’ un controllo mirato o è una vessazione? La Guardia di Finanza ha messo in atto controlli nei confronti del Vescovo di Padova?
Caporello, accusato di truffe alla Casa di Riposo: Il Comune di Padova, sia amministrazione Destro che amministrazione Zanonato, quali controlli hanno fatto? Eppure, sono stati feroci nei confronti dei cittadini che superavano i limiti di velocità! Si ha l’impressione, vera o sbagliata che sia, che sia Destro che Zanonato, siano violenti con i deboli e deferenti con chi ritengono un dio padrone!
Per contro ancora, altri cittadini si improvvisano poliziotti e prendono di militarizzare il territorio dimenticando che, tanto più militarizzano il territorio, tanto maggiore sarà la criminalità! Filmati? E perché non educazione? Perché non rimuovere tutti quei comportamenti, specialmente propedeutici allo stupro dei minori e alla violenza sui cittadini, che sono alla base della futura criminalità? Perché è più facile rinchiudere (o pretendere di rinchiudere) i cittadini in galera che non affrontare le condizioni che costruiscono il disagio sociale che mettono in discussioni ogni micro delirio di onnipotenza che ogni soggetto, educato negli oratori e nelle parrocchie, si porta dietro.

Agenti che controllano “magagne” sanitarie e mancanze “amministrative” perquisiscono un ambiente pubblico frequentato da persone che si godono spogliarelli e quant’altro? Ho qualche dubbio! Penso piuttosto che sia stata un’azione intimidatrice nei confronti delle persone per tentare di imporre la morale di morte del cristianesimo e di violentare la Costituzione. Forse sbaglio, ma troppo spesso le forze dell’ordine si prestano a terrorizzare cittadini inermi per compiacere qualche dio-padrone di turno. Ed è una cosa che, nella società in cui viviamo, costituisce il fondamento dell’estensione della morale mafiosa alle Istituzioni.

E il risultato finale di tutte queste microviolenze sociali?
Ogni settimana al pronto soccorso di Padova 7-8 adolescenti sono ricoverati per come etilico.
Quando le Istituzioni aggrediscono la società civile, di fatto, chiudono il futuro davanti ai ragazzi spingendoli a comportamenti autodistruttivi. Prefetti, Sindaci, Poliziotti, Carabinieri, sono coloro che, usando le Istituzioni per i propri interessi (sia economici che morali o opportunistici) di fatto attentano alla società civile perché, anziché mettersi al servizio della società, servizio per il quale sono pagati, si ritengono i padroni della stessa e in diritto di stuprarla e violentarla. Ed ogni loro azione diventa, di fatto, un atto di stupro morale e di violenza sociale, quando è retto dalle “loro opinioni” e non è supportato da esigenze processuali adeguate. Il risultato di questa violenza è l’innesto e l’alimentazione nella società di forze disgregatrici che finiscono per aggravare la conflittualità sociale.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.Le Parmesan, 8
30175 Marghera – Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it