La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

mercoledì 7 maggio 2008

Verona: non diamo una connotazione politica al vuoto esistenziale!

E' fuori discussione il fatto che quest'aggressione non ha connotati politici, ma è espressione del vuoto sociale e culturale in cui vive il Veneto e la provincia di Verona in particolare. Affermare che ha connotazioni politiche significa cercare significati irreali che sono delle scappatoie per non voler affrontare il problema.
Esattamente come non si è affrontato il problema quando il vuoto si è presentato ol nome di Maso!


Autopsia su Nicola: danni cerebrali
Caso Verona, Comune sarà parte civile

L'esame sul corpo di Nicola Tommasoli, il 29enne morto nell'aggressione nella notte tra il 30 aprile e il 1° maggio a Verona, ha rivelato una emorragia cerebrale, fratture di alcune dita della mano destra e sinistra e un grosso ematoma sul collo. Prelevato anche il cuore per verificare eventuali sofferenze cardiache corresponsabili nel decesso. Il comune di Verona si costituirà parte civile nel processo.

L'esame sul cadavere di Nicola conferma la presenza di una grossa emorragia cerebrale nella zona posteriore del cervello. La vittima aveva due dita fratturate presumibilmente colpite dagli aggressori nel tentativo di difendersi. Presente anche un vasto ematoma nella zona posteriore del collo: è ancora da verificare se sia compatibile con un calcio o un altro tipo di violenza subita.

I cinque responsabili del pestaggio, ora in carcere a Montorio, attendono l'interrogatorio di garanzia fissato per mercoledì. La Giunta comunale di Verona ha deciso di costituirsi parte civile contro Raffaele Dalle Donne, Andrea Vesentini, Federico Perini, Nicolò Veneri e Guglielmo Corsigli accusati dell'omicidio e che eventuali risarcimenti saranno devoluti alla famiglia Tommasoli, che sarà libera di deciderne la destinazione. La Giunta ha anche deciso di dichiarare il lutto cittadino il giorno dei funerali, che deve essere nacora fissato. Il sindaco di Verona Flavio Tosi invita commercianti ed esercenti della città ad aderire al momento di raccoglimento.

"In occasione dei funerali - ha detto Tosi - ordineremo il lutto cittadino e chiedendo anche ai commercianti una partecipazione particolare nel momento delle esequie".


Ho sentito questa sera Tosi da Gard Lerner. La domanda che ha fatto, perché nessuno ha imputato al sindaco di Perugia una responsabilità per l'omicidio; è semplice. Era un omicidio con connotazioni sessuali e si presume che il movente dell'aggressione non sia stato l'uccidere per l'uccidere (magari senza sapere della gravità della cosa) ma abbia avuto moventi di stupro.
Quando un sindaco emana delle disposizioni con le quali multa chi mangia un panino e si accanisce su un bambino, va da sé che la gestione con cui quel sindaco gestisce quel comune è del tutto simile a quel vuoto e a quella incapacità culturale che ha spinto quei cinque ad ammazzare stupidamente quel ragazzo. Lo stesso ambiente culturale produce individui che sanno dare quella e solo quella soluzione. E' chiaro che il sindaco che se la prende con chi mangia un panino è spinto dalle stesse soluzioni che hanno trovato quei cinque ad ammazzare quella persona. E' il vuoto culturale dal quale emergono quei comportamenti che sono uguali nella pulsione, ma diversi nell'espressione.
Né il sindaco può riparare dall’oggi al domani una simile situazione, ma le sue scelte indicano la direzione in cui agisce e i suoi intenti.
Sia quello che mangia un panino (Ricordo ancora l’aberrazione delle disposizioni che si fece carico Salvadori in giunte di Venezia e ancora le ripenso con orrore) che quello che non da la sigaretta sono delle mer..de perché non si adeguano alla volontà del branco!
Che questo branco siano i cinque che hanno ammazzato o i vigili urbani che eseguono una simile disposizione di giunta, non cambia nulla nella mentalità degli uomini che agiscono!
Questo a destra si chiama in un modo, a sinistra in un altro modo, non ha nulla a che vedere con la politica, ma solo con il vuoto culturale che questa regione ha costruito attraverso il finanziamento delle parrocchie, degli oratori, delle scuole private e dell'ideologia del possesso e della galera a tutti i costi, senza distinguere il ruolo del cittadino da quello della polizia, il ruolo del Sindaco da quello del Questore o del Prefetto: come se tutti giocassero a guardie e ladri!
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo