La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

mercoledì 24 settembre 2008

Il Veneto, la mafia e gli imprenditori.

Che il Veneto sia una terra appetibile per la mafia, tutte le mafie, anche quelle che non si chiamano mafie, è innegabile.
La mafia degli affari. I soldi che non hanno odore. Né per industriali, né per mafiosi, né per uomini delle Istituzioni.
Non stupisce questa notizia. Semmai stupisce come non abbiano fatto ad accorgersene prima. O forse pensano che quel tipo di sindaci che infesta il Veneto e che fa dell’odio per chi non ha soldi, nasca da un’azione della creazione divina? Ogni situazione sociale è prodotta da un contesto che la produce e di quel contesto è un esempio. Come i ragazzini drogati del centro di Treviso; i seguaci del terrore di Gentilini.
Esistono mafie locali che della mafia hanno le manifestazioni ideologiche, anche se, magari, non hanno assunto la lupara come metodo. Ma conoscono bene i ricatti, le minacce, la violenza con chi non si vuole mettere in ginocchio davanti al “paron”. Conoscono bene la violenza di chi spaccia o fa del bullismo come esercizio di apprendistato criminale.
Il Veneto è un terreno molto fertile.
Deve far riflettere questa notizia. Non per la sua “gravità”, ma perché ormai viviamo all’interno di uno Stato Mafia che non ritiene di avere dei doveri o si ritiene onnipotente al punto tale da non dover rispettare delle leggi:

Cronaca
MAFIA: ARRESTI PALERMO,
DA BOSS LO PICCOLO INTERESSI ECONOMICI NEL VENETO

Palermo, 24 set. - (Adnkronos) - I capi mafia Sandro e Salvatore Lo Piccolo, arrestati nel novembre scorso dopo una lunga latitanza, avevano interessi economici nel Veneto, in particolare a Chioggia. E' quanto emerge dall'operazione antimafia che all'alba di oggi ha portato all'arresto di due persone, l'avvocato Marcello Trapani, legale dei Lo Piccolo e l'ex procuratore di calcio Giovanni Pecoraro. Con l'appoggio di alcuni imprenditori veneti, ma anche di un militare della Guardia di Finanza, entrambi indagati, i due boss avrebbero tentato di mettere le mani sulle opere di riqualificazione del porto di Chioggia. Un investimento pari a 8 mln di euro circa. Questa mattina, subito dopo gli arresti sono state effettuate diverse perquisizioni dai militari della Guardia di Finanza in alcuni uffici nel Veneto. In particolare, come emerge dall'inchiesta, le perquisizioni sono state realizzate negli uffici e nelle abitazioni del militare della Finanza, in servizio a Chioggia, dell'imprenditore Claudio Toffanello e del commercialista palermitano Giuseppe Rosano, anch'egli indagato.
(Ter/Gs/Adnkronos)
24-SET-08 12:47
Tratto da:
http://iltempo.ilsole24ore.com/adnkronos/?q=YToxOntzOjEyOiJ4bWxfZmlsZW5hbWUiO3M6MjE6IkFETjIwMDgwOTI0MTI0NzU2LnhtbCI7fQ==


Le persone sono troppo distratte.
Gli operai della Sirma si barricano sui tetti a Marghera. Anche quegli operai si sentivano onnipotenti e al sicuro, esattamente come quei quarantamila investitori nelle banche americane che hanno messo in atto la truffa mondiale dei mutui inesigibili.
Persone che si credono furbe.
Migliaia di fabbriche sono fallite per gli affari finanziari di imprenditori che sanno solo giocare d’azzardo.
E’ l’educazione cristiana che porta le persone a credere nei miracoli o nella moltiplicazione dei pani e dei pesci e, spesso, altro non fa che lasciarli col cu..lo per terra. Oppure, a fare affari con le organizzazioni criminali: ultima risorsa per gli incapaci.

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it