La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

venerdì 26 dicembre 2008

Come truffare il Partito Democratico e minare l’indipendenza della magistratura.

Dopo che i magistrati hanno inquisito tante persone di destra e la sinistra si è sempre opposta per limitare l’attività dei magistrati, improvvisamente, scattano delle indagini che coinvolgono amministratori del PDL e, guarda caso, si commettono degli errori di valutazione (sindaco di Pescara) o si innestano delle conflittualità (Iervolino a Napoli), oppure, ancora, si manipolano delle intercettazioni il cui contenuto dimostra una realtà, per esaltare una diversa lettura nella quale l’offeso (il figlio di Di Pietro,) diventa colpevole. Mi sembra un po’ come la questione del presidente della Liguria, Burlando, del quale si chiese le dimissioni perché guidò in contromano per un tratto di strada (pagando la multa) mentre non si è inquisito il presidente della Lombardia Formigoni per le truffe di cliniche private che effettuavano interventi inutili su pazienti ignari per aumentare gli introiti.

Ricordo, per i deficienti del PD, che Berlusconi ha un esercito di magistrati al suo servizio il cui scopo è quello di intorpidire le acque al fine di impedire al PD di trarre profitto per le ruberie e i delitti che la destra commette. Si cerca di dimenticare il caso Nordio. Questo magistrato che andava a cena con Previti quand’era imputato e dette il via a un’inchiesta contro esponenti della sinistra, fra i quali Massimo d’Alema al solo fine di costruire il teorema secondo cui la destra rubava come la sinistra.

Non c’è dubbio che un incapace come Veltroni, sobillato da (non ho parole per definirlo, se criminale o complice, ma non riesco a trovare un termine corretto per la sua partecipazione alla fomentazione dell’odio sociale durante gli “anni di piombo”) Violante, sia caduto nella trappola di Berlusconi. Anziché capire che effettivamente Berlusconi usa i magistrati per sobillare l’opinione pubblica, finirà per aiutare l’attività eversiva di Berlusconi che alterando gi equilibri istituzionali porteranno il paese verso i nazifascismo. Nazifascismo è il progetto sociale di Berlusconi, sia che lo si chiami cesarismo o decisionismo.
Naturalmente Veltroni si è dimenticato delle decine di magistrati della P2 che operavano all’interno delle Istituzioni e che agivano per fomentare un colpo di stato clerico-fascista!
Forse Veltroni pensa che il colpo di stato attraverso l’aggressione alle Istituzioni non sia in atto?
E come farebbe Berlusconi a proteggersi dai delitti che ha commesso, certamente gravi e feroci, senza il parlamento che gli ha garantito l’impunità? Se non avesse commesso delitti gravi e feroci, che senso avrebbe avuto chiedere l’impunità estendendola a Schifani, Fini e Napolitano? Non si tratta d proteggere le Istituzioni, ma di usare le istituzioni per coprire i propri affari privati.
E come coprire meglio i propri affari privati se non procedendo svuotando di mezzi e potere la magistratura?
Veltroni, in questa operazione, assume il ruolo del servo sciocco. La destra con Tremonti e Berlusconi hanno rubato miliardi di euro agli Italiani facendo fallire la vendita di Alitalia a Aer France e scaricando i debiti sugli Italiani, ma basta che uno di sinistra percorra una strada in contromano per chiederne le dimisioni.
C’è qualcosa di marcio in tutto questo.
E il marcio sono le sei televisioni e l’organizzazione dell’ordine dei giornalisti che agisce in maniera eversiva contro i diritti fondamentali degli italiani.
Cosa ci rimetterano gli Italiani?
Il patrimonio del loro conto corrente.
Che cos'è il conto corrente degli italiani?
I servizi sociali, le Istituzioni, la scuola, la sanità ecc.
Le tante televisioni imbrogliano continuamente. Davanti ad una crisi economica in cui il presidente del Consiglio avrebbe dovuto dire agli Italiani di stringere il loro portafoglio per la gravità della situazione economica che Berlusconi ha creato, ha preferito derubare ulteriormente gli italiani vinvitandoloi a spendere: così saranno disarmati davanti al futuro che si prospetta loro.
Tanto, Belusconi, con i miliardi eche ha sottratto agli Italiani è ottimista!
Davanti ad un'Europa che protegge la propria economia, Berlusconi distrugge l'economia Italiana come fecero Craxie e il mafioso Andreotti.
Così gli Italiani si troveranno senza magistrati legati alle Istituzioni e solo con i magistrati servi sciocchi di Berlusconi e della P2.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

domenica 21 dicembre 2008

Perché in un convegno sui diritti umani ci sono due relazioni sull'integralismo islamico e nessuna sul fondamentalismo integralista cattolico?

E’ difficile capire qual è il rapporto con gli islamici in questo contesto storico.
La professoressa Ida Zilio Grandi ci ha spiegato il senso di alcuni versetti legati alla conversione e alla miscredenza.
Come Pagani, gli islamici ci avrebbero ammazzato se non ci fossimo convertiti. Ma questo lo facevano anche i cristiani.
La mia stessa generazione di stregoneria nasce proprio quando Carlo Magno tagli la testa a 4.500 Pagani Sassoni dalle scelte degli ultimi seguaci delle religioni misteriche.
Capire:

http://www.stregoneriapagana.it/convegnoziliograndi.html

Capire ma chiedersi anche un perché.
Perché in un convegno dedicato ai Diritti umani ci sono due relazioni di censura all’ideologia della conversione islamica e nessuna relazione all’ideologia della conversione cristiana?

Riflessioni relative al Convegno di Studio dal titolo “Diritti Umani e Religioni: il ruolo della libertà religiosa” tenuto a Venezia dal 4 al 6 dicembre 2008 e organizzato dal CIRDU (Centro Interdipartimentale di Ricerca sui Diritti Umani) dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. Osservazioni sulla relazione svolta dal professoressa I. Zilio Grandi “Il diritto alla libertà religiosa nel contesto islamico.”

Per il momento ho commentato, in maniera diversa e più o meno attenta, dodici relatori coprendo l’arco delle tematiche della libertà religiosa in molti campi e in molte zone geografiche.
Mi rimane da commentare l’intervento della professoressa Barbara de Poli e poi penso di aver fornito un quadro non solo delle tematiche relative alla libertà religiosa nel mondo, ma anche come viene intesa la libertà religiosa dall’integralismo fondamentalista cattolico ben manifestato in questo Convegno di studio da tutti i relatori (anche coloro che avrebbero voluto essere un po’ più obiettivi, erano chiaramente intimiditi). E’ stato manifestato non solo per quello che hanno detto, ma anche per quello che non hanno detto e avrebbero potuto dire.
Con questo tipo di professori è comprensibile come in Veneto gli islamici trovino un’enorme difficoltà a trovare un luogo di culto in cui pregare.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

mercoledì 17 dicembre 2008

Berlusconi e il suo inganno per ridurre in miseria i cittadini: povero Veneto.

Appare del tutto evidente il progetto di aggressione contro la società civile messo in atto dal Governo Berlusconi che anziché mettere in guardia i cittadini affinché si possano difendere da quanto sta avvenendo, li incita ad esporsi finanziariamente affinché siano disarmati rispetto ai prossimi accadimenti finanziari.
Siate fiduciosi: dice Berlusconi e Tremonti ai cittadini.
Intanto la banca centrale USA ha portato il costo del denaro a tasso zero: è solo carta straccia!
Così i cittadini non mettono in atto le difese nei confronti di quanto sta avvenendo e si ritroveranno ad elemosinare. Per contro la chiesa cattolica, con l’aiuto di Berlusconi, Tremonti e Veltroni, trasformerà i cittadini in accattoni.
Povero Veneto che hai distrutto il tuo territorio riempiendolo di capannoni e non sai cosa ti sta capitando.
In merito alla Crisi in atto ho appreso da una persona molto affidabile e seria che opera ai massimi vertici, che la Crisi italiana vera arriverà a partire dal febbraio 2009.
E crescerà ancora di più da aprile ad agosto 2009. Mi ha confidato con notevole preoccupazione che da alcune analisi accadrà la seguente cosa: da febbraio-marzo 2009 l’Italia apprenderà in maniera più che chiara che non ci saranno più soldi circolanti sul mercato.
Gli investimenti si bloccheranno drasticamente.
Ma il colpo finale del crack arriverà a cavallo della pausa estiva 2009 nella quale dal ritorno dalle ferie la maggior parte degli italiani si troveranno licenziati, oppure in cassa integrazione, molte aziende piccole-medio-grandi falliranno a catena o saranno già fallite o comunque saranno insolventi. Sarà difficilissimo far tirare fuori i soldi a chiunque, anche sulle cose dovute da riscuotere di vecchi lavori. Chi deve incassare spettanze gli sarà impossibile. Quindi è bene farlo al più presto evitando di lasciare situazioni aperte. La crisi-crack sembrerebbe che durerà fino al 2011 e forse oltre. Conoscere in anticipo il probabile quadro dei prossimi mesi potrebbe aiutare per decidere diversamente delle proprie scelte. Anche se il quadro potrebbe essere anche peggiore. E’ comunque saggio stare molto all’erta e non fidarsi delle false informazioni diffuse dai media sapendo che gli organi di informazione appartengono e quindi obbediscono ai gruppi finanziari.
Siate fiduciosi; non seminate catastrofismo, dice Berlusconi con le reti mediaset. Guardate quanta allegria, ma dove vuoi che sia la crisi. Abbiamo fatto la Social Card, per permettere ai cittadini di elemosinare nei negozi che noi vogliamo.
Dov’è la crisi?
E Veltroni aiuta Bossi a stuprare i cittadini rendendoli inconsapevoli delle trasformazioni a cui la società occidentale andrà incontro.
IMPARATE A DIFENDERVI, almeno voi che leggete: se non agirete ora con intelligenza, domani sarà tardi e sarete costretti a vivere in uno stato emergenziale continuo che vi impedirà di progettare.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

lunedì 8 dicembre 2008

Diritti umani e religioni: il ruolo della libertà religiosa. Prime riflessioni.

Una volta chiuso il Convegno di studio iniziano le Riflessioni relative al Convegno di Studio dal titolo “Diritti Umani e Religioni: il ruolo della libertà religiosa” tenuto a Venezia dal 4 al 6 dicembre 2008 e organizzato dal CIRDU (Centro Interdipartimentale di Ricerca sui Diritti Umani) dell’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Si tratta, innanzi tutto, di fissare sia le impressioni che cercare l’insieme ideologico e dottrinale dal quale emergono quelle relazioni.
Io ero convinto di trovarmi davanti a degli studiosi.
Però devo constatare che non si tratta di studiosi estranei al gioco delle parti nella società civile, ma sono studiosi impegnati nelle rispettive “tifoserie sociali”.

Ho registrato i vari interventi e li commenterò uno ad uno, ma la prima cosa da fare è fissare le prime impressioni:


http://www.stregoneriapagana.it/dirittiumaniriflessioni.html

Poi, rendere pubblici i volantini che, come spettatori esterni al convegno, abbiamo presentato:


http://www.stregoneriapagana.it/dirittiumanipaganesimo.html


http://www.stregoneriapagana.it/boscosacroconvegno.html

Capire in quale situazione oggettiva sociale si collocano gli interventi specifici relativi all’islam in considerazione che in Italia esiste una situazione conflittuale religiosa fra islam e chiesa cattolica:

http://www.stregoneriapagana.it/cristianesimoislamoccidente.html

Sottolineare la relazione che esiste fra comunicazione non verbale e collocazione dei vari relatori. In sostanza: chi ha organizzato il convegno e quali erano le finalità del convegno.

http://www.stregoneriapagana.it/stranoconvegno.html

Queste sono le prime cose da fare. Almeno nei primissimi giorni dopo il convegno. Le relazioni si possono commentare richiamando il ricordo mediante la registrazione degli interventi e gli appunti che si sono presi, ma ciò che non è direttamene legato agli interventi in sala rischia di sfuggire di perdersi nei meandri delle sensazioni inafferrabili.

Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it

martedì 2 dicembre 2008

L'unico divorzio, spesso praticato dai Veneti, che la chiesa cattolica ammette per intercessione di Paolo di Tarso

Si tratta di un metodo molto in uso nel Veneto quando si tratta di risolvere le questioni familiari.
E’ un metodo che deriva la sua pratica dall’ideologia di Paolo di Tarso che impone la sottomissione della moglie al marito. Obbedendo agli insegnamenti del san Paolo dei cristiani (mica per niente lo hanno fatto santo), questo marito prima di accoltellare la moglie gli ha infilato un limone in bocca: la moglie taccia (dice Paolo di Tarso).
Riporto la notizia.
L’ennesima notizia di un veneto sbandato e incapace di gestire la propria quotidianità.
Inutile dire che tali notizie sono destinate a moltiplicarsi nel prossimo futuro:

Tenta di uccidere la moglie nel sonno
martedì 02 dicembre 2008 11:39

La pronta reazione di una donna aggredita nel sonno dal marito ha evitato una tragedia familiare a Vicenza. E' successo nella notte tra sabato e domenica nella casa dell'ingegnere Fabrizio Condo', 41 anni, e della moglie Alessandra Veronese. Secondo la ricostruzione effettuata dai Carabinieri, il professionista, armato di coltello, avrebbe aggredito la moglie. L'uomo avrebbe tentato di tapparle la bocca con un limone. Svegliatasi, la donna ha reagito riuscendo a placare il momento di follia omicida del marito. E' stato proprio Fabrizio Condo' a chiamare i soccorsi e a far intervenire i militari. La vittima non è in pericolo di vita; il marito è stato arrestato per tentato omicidio. La coppia ha due figli che non erano presenti al momento dell'aggressione. Moglie e marito erano in crisi e stavano per separarsi.

Tratto da:
http://www.anordest.it/index.php?option=com_content&task=view&id=7755&Itemid=82

Finché gli inquirenti partiranno dal presupposto che la malvagità sia insita nell’uomo (è per questo che il dio padrone e macellaio ha punito l’uomo col diluvio universale) e non nei fenomeni che gli giungono dal mondo e ai quali è obbligato a rispondere, gli inquirenti si rendono responsabili di questi fatti. Di queste impossibilità delle persone di gestire in maniera differente la loro esistenza.
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
e-mail claudiosimeoni@libero.it