La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 29 gennaio 2009

Un'esperienza al supermercato Panorama di Marghera: salvarsi dalla crisi umiliando i clienti!

I sintomi della crisi e della degenerazione del tessuto sociale in Veneto è visibile anche nelle piccole cose. Nelle cose quotidiane.
La crisi costringe le persone a mettere in atto azioni di sopravvivenza e quando queste sono fatte da un supermercato assumono l’aspetto di sfregio e di insulto nei confronti del cliente.

Avevo deciso di andare a fare un giro al supermercato Panorama di Marghera per acquistare dell’insalata.
Visto che c’ero ho preso anche un po’ di pomodori (circa un chilo) e un po’ d’aglio.
Sono entrato con l’intenzione di dare un’occhiata e di comperare una cosa, ne ho preso tre per un valore all’incirca di 3 euro e mezzo.
Poi, sono andato alla cassa e mi sono trovato una cassiera che “bighellonava”. O forse aveva molte cose da fare oltre che fare i conti delle spese dei clienti in cassa commentando i prodotti acquistati dai clienti (guarda che bella punta di formaggio ha trovato! Come se a lei dovesse interessare qualche cosa, ma la cliente era dell’est Europa). Sta di fatto che pur avendo solo tre persone davanti in fila alla cassa con poche cose ho fatto mezz’ora d’attesa per i vari impegni della cassiera.

Quando la cassiera ha dovuto fare il conto di quello che avevo preso, con la scusa che la cliente davanti a me non aveva ancora raccolto le sue cose, ha preso l’insalata, circa 7 etti di troncadero, e si è messa a stroppicciarla e palpeggiarla. L’atteggiamento di finta indifferenza era quello di cercare se vi fosse stato qualche cosa di nascosto nell’insalata (il che significa aver danneggiato il prodotto che io avrei dovuto acquistare). Dopo di che si è messa a questionare sui pomodori che avevo preso e sosteneva che li avevo prezzati sbagliati, così ha chiamato l’addetto. Dopo un paio di minuti che l’addetto non arrivava mi ha chiesto di pagargli l’insalata e l’aglio e di attendere da una parte che arrivava.

Irritato gli ho lasciato la merce e me ne sono andato offeso e indignato!
In pratica, al supermercato Panorama di Marghera, io ci sono andato ogni settimana fin dal primo giorno di apertura e gli ho lasciato parecchie decine di migliaia di euro. Ma da quanto ho capito, esistono direttive di disprezzo e spregio dei clienti. Come se i clienti fossero il bestiame da mungere e dal momento che la crisi si fa più acuta (e probabilmente anche i furti stanno aumentando o aumenta la loro incidenza sul venduto) gli spregi e gli insulti nei confronti dei clienti si fanno più frequenti.
E’ quanto ho potuto appurare dai vicini di casa chiacchierando su cosa era successo anche a loro al supermercato Panorama.
Ho lasciato la merce e me ne sono andato a fare una passeggiata al supermercato Auchan di Mestre comprando l’insalata troncadero, l’aglio e un po’ di radicchio.

Questi comportamenti dei commercianti dovranno essere tenuti ben presente nella scelta del supermercato. Proprio perché si sta avvicinando una crisi è bene che questa crisi serva a selezionare i commercianti corretti dai banditi. Ho speso un po’ di più prendendo la macchina, facendo la tangenziale e andando all’Auchan di Mestre, ma non penso che metterò più piede nel supermercato Panorama.
30 gennaio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it