La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

domenica 26 aprile 2009

Confartigianato: previsioni per l'occupazione e le imprese

Tutti gli studi di settore indicano la crisi nell’industria, grande e piccola. In particolare la piccola industria che spesso agisce da supporto alla grande industria.
Purtroppo, gli indicatori economici vengono ignorati dal governo e dalla politica.
Siamo alla gestione sociale emergenziale. Solo nell’emergenza un governo riesce a dimostrare che sta facendo qualche cosa. E così, questo governo vuole ignorare la gravità della situazione fintanto che non avvengono situazioni di emergenza nelle quali interviene con i celerini, o con l’elemosina cattolica. Lo stupro, per questo governo, non è una questione sociale, ma è una questione di emergenza di polizia. Non è in grado di combinare le due cose perché questo governo ritiene gli stupri alle donne una condizione normale. Una condizione da gestire soltanto con i celerini. Una società senza violenza alle donne creerebbe un grande problema ad un governo come questo.
Siamo all’interno di una “crisi ignorata”, tanto Berlusconi e Tremonti sono ricchi. Il loro presente è salvo e questo paese, per loro, provvede il loro dio padrone.
Con gli spot pubblicitari si gestisce una campagna elettorale, non una nazione all’interno di un sistema complesso di correlazioni internazionali.
Queste sono ULTERIORI PREVISIONI.
Probabilmente un qualche Tremonti le chiamerà annunci di uccelli del malaugurio. Sta di fatto che, data questa situazione, il domani non può essere che questo.
Riporto da televideoRai pag. 135 del 26 aprile alle ore 23.00:

CONFARTIGIANATO
LANCIA ALLARME CRISI PER 2009
La crisi continua a mordere le piccole imprese anche nel primo semestre 2009 con un ulteriore ridimensionamento di produzione, domanda e del fatturato. Lo rileva l'ufficio studi Confartigianato, che intravede, invece, spiragli d'ottimismo per occupazione e investimenti nelle imprese con meno di 20 addetti su un campione di 4.200 imprese italiane. In particolare per la piccola e media impresa manifatturiera, secondo la Confapi, che rappresenta circa 60mila imprese con 1mln e mezzo di addetti, "la crisi non è passata e i problemi sono più gravi che mai". Per il 2009 si prospettano bilanci "disastrosi" e fino a 400mila addetti che rischiano il posto.
Fonte:http://www.televideo.rai.it/televideo/pub/solotesto.jsp?regione=&pagina=135&sottopagina=1

Un altro dato deve far paura: si è fermata la vendita dei computer.
La crisi prima del 2008 è stata tamponata proprio dalla vendita del materiale elettronico e dallo sviluppo della comunicazione. Ora, anche questa si è fermata.

26 aprile 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it