La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

mercoledì 13 maggio 2009

I Veneti e la cultura delle biblioteche.

Il livello della cultura nel Veneto si osserva anche dai comportamenti che le persone tengono nella “minuteria” quotidiana.
Che cos’è per i Veneti la cultura?
Forse qualcosa con cui fare soldi?

Nella notte tra sabato e domenica alla biblioteca di Area Umanistica di Ca’ Foscari a Venezia una banda di sbandati, probabilmente fatti o sbronzi, non hanno trovato niente di meglio che sfondare una finestra della Biblioteca e tentare di appropriarsi di materiale in dotazione.

Sarei stato più comprensivo nel definirli “IMBECILLI”, se avessero rubato libri.
Infatti, per chi ama la cultura, il libro è l’unico oggetto che si ruba solo per il piacere di possederlo. Non c’è un commercio redditizio di libri, ma il piacere della lettura e le scarse disponibilità economiche spinge molte persone ad appropriarsi di libri in maniera illegale. Costoro, anche se commettono cose illegali, non sarei mai capace di definirli “imbecilli”.

Probabilmente, questi personaggi, si sono stupiti della quantità di oggetti rettangolari disposti sugli scaffali dei quali, sicuramente, non conoscevano né l’uso, né il valore.

Purtroppo la perdita di memoria storica e culturale è molto diffusa in Veneto.

Cos’hanno fatto questi personaggi, sbandati di un quartiere veneziano senza prospettive per un futuro? Hanno frugato qua e là alla ricerca di qualche cosa che probabilmente nemmeno hanno trovato. Hanno visto una finestra facile da rompere e speravano di trovare qualche cosa di “valore”. Spesso, le cose di valore stanno sotto i nostri occhi, ma noi non le vediamo (per questo gli “altri” spesso ce le rubano senza che noi possiamo reagire: come i diritti nella società civile!).

Almeno si sono limitati a sfondare una finestra e non hanno fatto, a quanto sembra, ulteriori danni.

Resta comunque l’amaro per il disprezzo della cultura e di un bene pubblico che, comunque, è a disposizione dei cittadini nonostante una crisi economica che sta saccheggiando gli spazi culturali nel Veneto.

Mentre dei cittadini si affannano a fare dei lasciti di libri per arricchire quella biblioteca e per impedire che i libri, che hanno amato nella loro vita, vadano persi, altri cittadini saccheggiano senza scopo ciò che appartiene a loro stessi.

13 maggio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento