La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 21 maggio 2009

In Veneto imprenditore si suicida consapevole della sua incapacità nell'affrontare le crisi economica.

Intanto iniziano i suicidi.
Non siamo che all'inizio di una disperazione destinata a diffondersi sempre più.
Questo artigiano di Fontanelle nel Trevigiano ha preferito togliersi la vita che affrontare la crisi economica che lui stesso ha contribuito a innestare. L’articolo del Corriere della Sera e de il Gazzettino mettono in luce una “morale” opprimente nell’artigiano che non voleva licenziare e, allora, dicono, si è tolto la vita: come se togliendosi la vita non ha fatto, comunque, licenziare i dipendenti, magari con difficoltà per avere la liquidazione.
C’è una crisi mondiale, e c’è la crisi del modello imprenditoriale Veneto che si innesta sulla crisi mondiale. Una crisi dell’imprenditorialità del Veneto che non può più nascondersi dietro la crisi mondiale e che il governo Berlusconi e Galan vogliono ignorare perché non hanno gli strumenti culturali per affrontarla.
Si è suicidato: così ha risolto i suoi problemi morali!
La morte aiuta a togliere l’angoscia che la vita impone a chi non è attrezzato per viverla appieno. Tuttavia la morte non assolve dai crimini di onnipotenza e d incapacità propri delle persone che nel loro delirio, in Veneto, si credono le “parone” di altre persone. Il mito, cattivo e violento, del padrone buono che ripercorre il mito del dio padrone buono che ammazza l’umanità, è imposto negli oratori e lascia dietro di sé i suoi strascichi di morte.
Riporto da Il Corriere della Sera la retorica:


Un artigiano di Lutrano di Fontanelle, nel Trevigiano, ha deciso di non finire: prima di piombarci dentro insieme ai suoi dipendenti, l’altra sera s’è tolto la vita in azienda.
Nel tardo pome­riggio di martedì, l’artigiano ha atteso che se ne andassero via tutti, alla fine del turno. «Verso le 19 pareva che non ci fosse più nessuno - riferisce il proprietario della vicina car­rozzeria - e siamo andati via anche noi. Che strazio, quan­do poi abbiamo saputo co­s’era successo». Nella sua villetta, dove l’aspettavano per cena, il 58enne non è infatti mai rien­trato. Quando i suoi familiari sono andati a cercarlo in ditta, purtroppo era ormai troppo tardi. Sono intervenuti i cara­binieri, sono arrivate le pom­pe funebri. «Era un brav’uo­mo - lo ricorda l’amico carroz­ziere - non meritava una fine così. Veniva spesso a trovarmi in officina, a scambiare quat­tro chiacchiere. Poco tempo fa mi aveva anche portato una Vespa, ce l’ho ancora in ripara­zione. Parlavamo delle diffi­coltà di questo periodo, mi confidava che era preoccupa­to per i conti. Dall’inizio del­l’anno gli ordinativi avevano preso a calare, era in pensiero per la sua manodopera. Sono ragazzi di queste parti, hanno tutti famiglia. E lui sentiva il peso della responsabilità nei loro confronti. Mi diceva: "Fosse per me, potrei chiude­re e basta, in fondo ormai po­trei ritirarmi in pensione. Ma loro sono giovani, come fac­cio a lasciarli su una strada?". Evidentemente non ce l’ha più fatta a reggere questo far­dello».

Ma come è buono questo imprenditore! Buono, ma incapace e cattivo.
Dobbiamo aspettarcene altri di suicidi. Come dobbiamo aspettarci che altri imprenditori si dedichino a rapine. Come dobbiamo aspettarci che imprenditori si dedichino allo spaccio di droga.
La devastazione del territorio, evidenziata dalla crisi economica, è sempre più acuta. Le vittime di Gentilini, tantopreso dagli extracomunitari da non guardare cosa stava succedendo sul territorio.
Lui ha risolto i suoi problemi: e gli operai? Loro risolveranno i loro, come potranno.

21 maggio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento