La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

venerdì 29 maggio 2009

La sagra delle ciliegie di Marostica e i deliri veneti dell'onnipotenza divina

Non sempre le persone conoscono il tempo che viene loro incontro. Spesso vogliono ignorarlo. Si sentono tanto dio onnipotente e confidano nella loro furbizia (identificandosi col dio onnipotente) e con la provvidenza che, il dio onnipotente con cui si identificano, provveda a loro perché, anche loro, sono come il dio onnipotente. Ciò che tutti costoro ignorano è che tutto il mondo attorno a loro pensa, progetta, agisce e si trasforma. E lo fa senza dire nulla a loro che si sentono tanto, dio onnipotente. Da qui la presenza dell’ignoto. Un ignoto che, il dio onnipotente, sa che è presente e che, comunque arriverà, ma che finge di non vedere perché, vederlo, significa rinunciare alla propria onnipotenza di dio padrone.

E’ in quest’ottica che la Camera di Commercio di Vicenza:

Con l’arrivo della primavera, ritorna anche la gustosissima Ciliegia di Marostica I.G.P: tra maggio e giugno si susseguono feste, mostre ed eventi dedicati a questo frutto, grazie al coinvolgimento di Vicenza qualità nelle attività di promozione degli eventi organizzati dalle Amministrazioni comunali dell’area di coltivazione e dal Consorzio di Tutela della Ciliegia di Marostica I.G.P.

Vicenza Qualità ha curato per il 2009 un agevole opuscolo contenente storia, informazioni tecniche, appuntamenti ed agili ricette, che sarà distribuito nei punti dov’è in vendita questa prelibatezza che si fregia del marchio comunitario IGP e in occasione delle numerose iniziative che si svolgeranno tra maggio e giugno nell’ambito della rassegna enogastronomica “A tavola con la Ciliegia di Marostica I.G.P.”.
Sul territorio, invece, quattro appuntamenti domenicali saranno occasione per conoscerla da vicino. Si comincia domenica 24 maggio, in località Pianezze San Lorenzo, dove protagoniste saranno le varietà “precoci” delle ciliegie: Sandre, Bigareaux, Roane e Romane. Domenica 31 maggio sarà la volta di Marostica, quando saranno premiati i migliori prodotti e coltivatori e verranno allestiti gazebo e banchetti per la degustazione e la vendita diretta delle ciliegie e dei prodotti del territorio. A Mason Vicentino il 14 giugno, la tradizionale “Sagra delle ciliegie” allestirà le migliori Rosse grazie a stand gastronomici e momenti di intrattenimento. Il ciclo di eventi promozionali domenicali si concluderà quindi il 21 giugno a Crosara di Marostica, all’insegna dei Duroni e delle ciliegie tardive.

Per il 2009 è in arrivo anche un’altra importante novità: tre serate di scuola di cucina, organizzate dal Comune di Molvena in altrettanti agriturismi del territorio, con la partecipazione del rinomato chef Amedeo Sandri. Per prenotazioni rivolgersi direttamente alle aziende agrituristiche.

Venerdi 22 maggio alle 21,00 è previsto invece il convegno dal titolo: “Prodotti a Km 0: quale legame tra alimentazione e prodotti del territorio?” alla Scuola Elementare di Molvena.

La grande sagra.
Poi, arriva la “provvidenza del dio onnipotente”, oppure è il mondo che si è mosso?
Lo si conosceva l’effetto serra; e da molto tempo. Così eccola la grandinata forte e puntuale, come un temporale di primavera. Ed eccoli i contadini mettersi a piangere “centinaia di ettari di ciliegie distrutte”, “l’enorme perdita nel settore agricolo”.
E così è stata annullata la sagra della ciliegia che avrebbe dovuto svolgersi il 31 maggio. Non saranno premiati i migliori produttori e verrà stilato un piano di emergenza che richiede lo stato di calamità

Ma questo non succede a Marostica, succede in ogni attimo della nostra vita. In ogni momento lo sconosciuto modifica la nostra esistenza e se non ci siamo forniti gli strumenti adeguati non comprendiamo nemmeno in quale nuova direzione la nostra esistenza sarà condotta. Solo un pazzo cristiano può pensare a sé stesso come un dio onnipotente. Un cittadino mette in atto azioni di difesa dallo sconosciuto che può arrivare. Una persona normale conosce la presenza degli Dèi negli oggetti del mondo. La loro capacità di programmare e di modificare il presente in cui vive. E, per questo, un cittadino normale si attrezza e non mette le sue speranze nell’illusione, ma mette le sue aspettative nella sua azione e nella sua programmazione. Perché ogni essere Vivente è come una nave nelle tempeste della vita. Perché la nave sia governabile è necessario che i motori funzionano e che possa, con la forza che trae da sé seguire una rotta anche se questa rotta dovrà adattarsi alle condizioni che di volta in volta incontra.
Ora c’è una crisi economica che il Veneto non riesce a gestire: i veneti non riescono a gestire solo perché non si sono attrezzati per tempo e come tanti dio padrone hanno pensato di essere onnipotenti.
Poi, è arrivata la tempesta e ha messo in luce le loro lacune. La loro miseria culturale.
Mettiamo attenzione al mondo in cui viviamo. Pensiamo che il mondo è fatto di intelligenze che programmano per la loro esistenza. Impariamo ad ascoltarle e ad agire adattandoci anche alle loro trasformazioni: solo così si può diventare eterni.
In caso contrario, si fa come a Marostica: anziché la sagra delle ciliegie si farà la mostra dei danni della tempesta.

29 maggio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento