La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

martedì 9 giugno 2009

Valeggio sul Mincio: continuano a Verona i segnali della putrefazione del tessuto sociale



Continuano le degenerazioni del tessuto sociale in Veneto.
Il cristianesimo, imposto negli oratori, priva le persone di prospettive future. La mancanza di capacità progettuale in individui che attendono solo la provvidenza del loro padrone, quando questa non arriva diventano disperati. Oppure, sono vuoti e il vuoto psico-emotivo, con gli anni, cresce e si fa pesante.
I drammi all’interno della famiglia, come modello della sacra famiglia cristiana (padre, madre e figlio), sono destinati a moltiplicarsi specie per la presenza sul territorio di attività violenta della chiesa cattolica coadiuvata dai partiti politici e da Istituzioni compiacenti.
La notizia di oggi è quella dell’ennesimo omicidio in famiglia a Valeggio sul Mincio in provincia di Verona. Un quarantenne ha ucciso la madre 71 enne e ferito il padre intervenuto. Perché il dramma? Chissà se Giulio Schinaia, il PM di Verona balzato agli onori della cronaca, riesce a leggere la connessione esistente fra questo dramma e le aggressioni dei teppisti alla Tosi a Verona. O forse pensa che l’uomo sia creato da un dio pazzo e cretino e che allora deve torturare il malvagio perché, tanto, è creato dal suo dio padrone malvagio?
Viveva nella casa con i genitori: a quaranta anni! Non si era fatto una vita propria. Non aveva abbandonato la dipendenza.
Cos’è, pazzia?
O forse una forma di disagio dalla quale non riusciva a liberarsi?
O forse, più semplicemente, i comportamenti criminali della madre e del padre gli hanno impedito di costruirsi degli strumenti con cui affrontare la sua vita e la disperazione, mista fra delirio di onnipotenza, imposto educazionalmente e depressione per non essere in grado di affrontare le situazioni della vita, hanno messo in atto la tragedia?
Fra un po’ i giornalisti si getteranno come sciacalli sui vicini, intervisteranno il parroco, si dirà che era una brava persona. Loro non sapevano niente. Famiglia tranquilla, oppure, frequenti liti; ma mai avrebbero immaginato....
Immaginato cosa? Che le persone educate come bestiame in ginocchio ad un dio padrone prima o poi usino il coltello o mettano in atto altri gesti disperati?
Verona non scenderà mai in piazza per lottare o manifestare; né farà le barricate contro la Polizia di Stato: Verona muore lentamente fra droga, disperazione culturale e fallimenti economici. Muore lentamente divorata come un cancro dall’interno mentre Tosi e i vescovi metteranno tanto belletto per mostrare una faccia pulita e nascondere i vermi della putrefazione sociale.



E più nasconderanno i vermi ella putrefazione sociale, e più questi si moltiplicheranno.
Ogni tanto qualche verme della putrefazione emerge e allora, ci sarà un Giulio Schinaia che, dirà: “Ma chi lo avrebbe detto....” “Averlo saputo....”. "interverremo..."



Come? Per che cosa? Per che cosa se l'unico intento è quello di occupare le Istituzioni facendo dei drammi sociali motivo di propaganda politica?

10 giugno 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento