La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

sabato 11 luglio 2009

Flavio Tosi: la Corte di Cassazione conferma la condanna per razzismo.


Riporto la dichiarazione di Flavio Tosi, attuale sindaco di Verona, dopo che la Corte di Cassazione lo ha condannato per razzismo:

«Mi auguro comunque, pur dubitandone, che il mio caso sia da esempio a certi magistrati per fare velocemente anche i processi che riguardano i delinquenti veri e pericolosi che spesso escono dal carcere o che non arrivano a sentenza definitiva per decorrenza dei termini causate da clamorose omissioni del sistema giudiziario».

Ricordo che LUI è il delinquente veramente pericoloso. Non solo per la gravità del reato, la cui pena irrisoria è determinata esclusivamente grazie ai rapporti di forza mafiosi che hanno mediato affinché nel riconoscere il reato la pena sia bassa (in altri paesi la pena per il reato fatto da Tosi è punita con pene maggiori), ma per il fatto che la sua attività di terrorismo è supportata dal suo ruolo Istituzionale che ne fa un delinquente pericoloso.
Abbiamo dimenticato la violenza e il terrore che Tosi ha esercitato contro il bambino che si mangiava un panino?

Ha incitato all’odio e al terrore, quello stesso che portò a costruire i campi di sterminio e a rinchiudervi gli zingari. E’ come se Tosi fosse responsabile di strage e di genocidio (se i magistrati applicassero il teorema Calogero, che tanto piace a Caselli, dovrebbe essere in galera per partecipazione al genocidio avvenuto nei campi di sterminio e per aver reiterato i fondamenti ideologici che hanno portato al genocidio).
Tosi è un delinquente. Un criminale. Lo era anche prima della sentenza della Corte di cassazione per la percezione che si aveva delle sue azioni e dell’odio che contenevano. La sentenza della Corte di Cassazione è un di più. Non è che prima non era un razzista e dopo la sentenza della corte di cassazione è diventato un razzista: era un razzista prima e la Corte di Cassazione non ha fatto altro che aggiungere un di più!

Purtroppo Tosi non ha capito che deve imparare a rispettare le leggi anziché fare dei provvedimenti che sono degli insulti alla società civile.
Può essere che la società civile ancora non se ne renda conto, ma a mano a mano che la crisi economica si espanderà le contraddizioni, spinte dai suoi provvedimenti, si faranno sempre più acute. Come si faranno acuti i problemi che Galan non vuole vedere se non per aggravare in tutta la regione Veneto.

12 luglio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

1 commento:

  1. Speriamo che questo sia l'inizio di un risveglio...ma temo che ci vorrà del tempo...infatti gli italiani per anni sono stati sottoposti ad un processo di ignorantizzazione...sucessivamente il populismo di questa destra, in particolare quello della lega, ha trovato terreno fertile, fertilissimo...spesso parlano per slogan, per luoghi comuni...anzichè andare in profondità delle cose.
    A mio avviso il danno più grave provocato da queste forme di populismo risiede in una sempre più limitata capacita di distinguere caso per caso...ecco che il mondo non è più un isieme di "sfumature", ma diventa o "bianco" o "nero"!
    A questo populismo abboccano facilmente vecchi teledipendenti con una mentalità sempre più chiusa...chiusi nel loro "orticello" ma anche giovani generazioni a cui in molti casi non è stato insegnato risalire alla natura dei problemi...troppa "ideologia" da tifo calcistico e pochi ideali!
    Il guaio è che se non si inverte la rotta potremmo diventare un paese simile alla Russia...un popolo sempre più imbottito di nazionalismo, in alcuni casi anche nazismo, libertà di espressione e informazione intimidita.
    In seguito a povertà e a crisi economiche il potere si mette in sicurezza istaurando un' ideologia basata sull' "orgoglio nazionale" e sulla "difesa" della razza...l'ideologia del nazionalismo dopo il crollo del liberismo sembra una strada seguita da molti in Europa.
    La rabbia popolare viene quindi incanalata contro i più deboli...immigrati, rom, gay ecc...piuttosto che concentrarsi su quei poteri che hanno portato i cittadini alla povertà tramite politiche infami.

    RispondiElimina