La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

martedì 7 luglio 2009

Il peggio della crisi sta macinando ora: in Italia, grazie a Berlusconi, a molte persone non resta che il suicidio.


Il peggio della crisi economica, intesa come distruzione del tessuto sociale ed economico del paese e del Veneto in particolare, deve ancora avvenire, ma è in atto in tutta la sua drammaticità.

I dati forniti dalla società elettrica Terna sui consumi di elettricità ci dicono che a giugno, nonostante non abbiamo i dati delle statistiche e il governo Berlusconi le sta nascondendo, le industrie sono state praticamente ferme. A giugno, i consumi di elettricità in Italia sono diminuiti del 6,6% rispetto ai consumi del giugno 2008, ma dal momento che nel 2008 si è lavorato un giorno in meno, i consumi di elettricità sono diminuiti del 7,6%.
In tutto il semestre del 2009 il consumo di elettricità è diminuito del 8,2% rispetto al semestre del 2008.

Questi dati ci dicono che, tolti i consumi delle famiglie e dei servizi, la produzione industriale, in giugno è diminuita dal 20 al 30% rispetto al giugno del 2008 quando già molte aziende stavano entrando in crisi e mandavano in ferie i dipendenti.

Questo tipo di dato non va distinto dall’insieme. Se diciamo che la diminuzione dei consumi di elettricità nei primi sei mesi del 2009 è stata dell’8,2%, significa che ogni mese ha avuto un crollo analogo della produzione industriale con un ridimensionamento della struttura produttiva e, di conseguenza, un ridimensionamento dell’apparato produttivo ed occupazionale.
E, allora, perché i consumi non sono diminuiti in proporzione?
Per effetto del risparmio e dell’indebitamento. Famiglie che hanno dato fondo ai loro risparmi nell’attesa che la ripresa avvenga seguendo scioccamente le farneticazioni di Berlusconi e Tremonti e l’indebitamento di famiglie ed aziende che prima o poi arriveranno al fallimento.

In Italia non è come negli USA in cui si può fallire e ricominciare da zero. In Italia, una volta fallito, devi rimanere nel fallimento fino alla morte.
Ed è quel “fino alla morte” che crea angoscia e disperazione perché dopo che Berlusconi e Tremonti hanno ingannato le famiglie, a queste non rimane nessuna via d’uscita se non il suicidio!

07 luglio 2009
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento