La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

lunedì 5 aprile 2010

L'effetto del magnificat fra i veneti: RAI e Il Gazzettino collaborano alla devastazione sociale


Non è solo Luca Zaia che non conosce le norme più elementari del vivere civile.
E’ proprio dell’educazione Veneta la mancanza di rispetto per le persone al punto tale che, una volta perso il controllo della ragione, la sopraffazione, come insegnata negli oratori e nelle parrocchie, prende il sopravvento guidando le emozioni dei soggetti.

In questo omicidio non siamo in presenza di un rapinatore che vuole i soldi e uccide. Siamo in presenza di una relazione familiare forgiata nella cattolica Padova e Vicenza dove i rapporti di forza sono quelli imposti dall’organizzazione cattolica mediante la “sacra famiglia”. Una sacra famiglia che fa della sopraffazione e dell’odio che costringe i componenti a recitare il proprio ruolo, l’elemento centrale della morale comportamentale.
Coma la madonna dei cristiani recita quell’orrore che è il magnificat, ogni cristiano, educato nelle parrocchie, pretende che le donne recitino a lui il magnificato: lui dio padrone che accoglie la sottomissione come un atto d’amore dovuto!

Questa imposizione cattolica ingenera varie forme di omicidio ed è la causa principale delle ribellioni che poi sfociano in separazioni e divorzi (meglio questi che omicidi).
Riporto la notizia di cronaca:



Padova, uccide a coltellate la fidanzata

durante la prima notte di convivenza

ROMA (5 aprile) - Luca Bedore, un 24enne di Stanghella (Padova), ha ucciso la fidanzata durante le prime ore di convivenza nell'appartamento in cui avevano scelto di vivere insieme a Noventa Vicentina. Luana Bussolotto, 27 anni, di Cinto Euganeo, è stata uccisa a coltellate. Bedore, operaio, feritosi nella colluttazione mortale, ha vegliato il corpo della ragazza per tutta la notte e questa mattina ha chiamato i carabinieri. Ieri i due giovani avevano lavorato tutto il giorno per sistemare l'appartamento di via Roma nel quale avrebbero trascorso la prima notte da conviventi. L'omicida è piantonato in ospedale a Noventa Vicentina.
Tratto da:
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=96980&sez=HOME_INITALIA

Hanno fatto veramente presto a stabilire i rapporti di forza all’interno della coppia.
Li hanno stabiliti una volta per tutte: sono i classici omicidi che avvengono in Veneto.
Il tipo di relazioni che ingenera questo tipo di omicidi chiama gli extracomunitari delinquenti che tanto piacciono alla Lega. Quelli che non recitano il magnificat, ma che costringono i veneti, deboli ed indifesi, a recitare a loro il magnificat mentre spacciano, in concorrenza con i veneti, droga o delinquenza varia. Così i telegiornali (ricordiamo come i telegiornali del Veneto hanno sempre alimentato il terrorismo sociale, fra tutti i criminali basti ricordare Delfo Utimpergher) possono istigare all’odio razziale sottolineando la nazionalità del “delinquente” e istigare al linciaggio (messo in atto da gente come Tosi, Gentilini e compagni).
In questo modo i giornalisti RAI del Veneto allontanano la ricerca delle cause alimentando l’odio sociale affiancandosi a gentaglia immorale come Angelo Scola.
Domani, altri omicidi, altri suicidi, altro spaccio di eroina, altro bullismo, altra disperazione, altri delitti per noia e tutto alimentato dai giornalisti de il Gazzettino, della RAI, che con la loro propaganda incostituzionale allontanano la ricerca delle cause alimentando nelle persone l’illusione.

05 aprile 2010
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento