La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

lunedì 24 maggio 2010

In braccio agli Dèi sono cresciuto.

Quand’ero fanciullo,
Spesso un dio mi scampava
Dagli sgridi degli uomini.
Giocavo sicuro e buono
Con i fiori del bosco,
E le Aure del cielo
Giocavano con me.

E come tu il cuore
Delle piante consoli,
Quando esse d’incontro
Le tenere braccia ti tendono,

Così hai il mio cuore consolato,
Padre Elio! E come Endimione,
Io ero il tuo vago,
Sacra Luna.

O tutti voi fidi,
Amorevoli Dèi!
Se poteste sapere
Quanto vi ha la mia anima amato!

Certo allora io non vi invocavo ancora
Con nomi, e neanche voi
Mi chiamavate mai a nome, come uomini si chiamano
Quasi si conoscessero.

Pure conosciuto vi ho meglio
Che mai abbia conosciuto gli uomini:
Compresi il silenzio dell’etere,
Le parole degli uomini non le ho comprese mai.

M’educò il concerto
Del bosco pieno di murmuri,
E amare appresi
In mezzo ai fiori.

In braccio agli Dèi sono cresciuto.

Nessun commento:

Posta un commento