La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 8 luglio 2010

Broker si impicca ad un termosifone: mica era un barbone, ma sempre un disperato Veneto. Disperato come tutti i Veneti


Continuano ad ammazzarsi in Veneto.
La disperazione travolge ogni classe sociale e si riempie di ogni motivazione che la fervida immaginazione degli investigatori riesce ad elaborare.
Questo consulente bancario, per che cosa si sarà suicidato?
Quali motivazioni troveranno i media o le Istituzioni?
Con quali scuse la chiesa cattolica e le Istituzioni della Provincia di Treviso allontaneranno da loro le responsabilità per questa morte?
Mario Scinni, consulente bancario, non il barbone senza casa. Non la donna a cui è stata tolta la figlia. Non la vedova inconsolata. Un uomo che girava con gicca e cravatta, non cme un barbone che non si lava da una settimana.
Eppure, era solo un povero disperato senza futuro e senza punti di riferimento.
Non uno sbandato emarginato, ma un uomo con moglie.
Riporto la notizia:

BROKER SI IMPICCA CON LA CRAVATTA AL TERMOSIFONE
Ritrovato dalla moglie senza vita un 51enne di Paese
PAESE – A scoprire il corpo già senza vita dell’uomo, ieri verso le 18,30, è stata la moglie. M.S., broker 51enne di Paese, si era impiccato legando la sua cravatta ad un termosifone.
La moglie ha dato l’allarme, ma per l’uomo non c’era nulla da fare.
Del caso sono stati informati i carabinieri. Ci sono ancora alcuni lati da chiarire sul gesto dell’uomo: non ha lasciato alcun biglietto e non sembra soffrisse di depressione.
I militari sentiranno le dichiarazioni di famigliari e conoscenti per cercare di ricostruire i motivi che l’hanno spinto a farla finita. MC
08-07-2010


Tratto da:
http://www.oggitreviso.it/broker-si-impicca-con-cravatta-al-termosifone-27039

Sono ossessionati gli inquirenti: dobbiamo dare una spiegazione.
La malattia del Veneto non ha spiegazioni. Non ha perché al di fuori dell’odio e del disadattamento imposto dalla chiesa cattolica che poi, dopo, emerge sia nel corso della vita sia al presentarsi di problemi sociali o economici.
Sembra che non fosse nemmeno “depresso” o, almeno, non sembrava ad uno spettatore fugace.
Riporto ancora da altro sito:

08/07/2010
Si è impiccato con la sua cravatta
BROKER SI UCCIDE
Mario Scinni, 51enne ritrovato dalla compagna

PAESE - (nc) A trovare il suo corpo esanime è stata la compagna nella serata di ieri poco dopo le 18.30: si è suicidato nella sua abitazione di via Gasparini a Paese il 51enne Mario Scinni, broker e consulente bancario. L'uomo si è tolto la vita impiccandosi con una cravatta al termosifone: quando la moglie ne ha rinvenuto il corpo per lui ormai non c'era più nulla da fare. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri di Montebelluna che stanno cercando di ricostruire un suicidio che è avvolto nel giallo. Secondo la ricostruzione dei militari l'uomo non avrebbe lasciato messaggi, non soffriva di depressione e per ora si esclude che tra le cause possa esserci il suo lavoro di broker. Indagini sono ora in corso da parte dei Carabinieri che probabilmente raccoglieranno le testimonianze delle persone più vicine a lui.

Tratto da:
http://www.venetouno.it/notizia/21615/broker-si-uccide


E’ l’angoscia che caratterizza il Veneto: morto dopo morto in un’ossessione di morte come unica possibilità di felicità nella sofferenza esistenziale.
Forse troveranno qualche truffa o qualche ammanco, ma alla base di tutto c’è l’incapacità di vivere imposta dalla chiesa cattolica che, come una serie infinita di sacrifici umani, sta lastricando la storia del divenire della società.
Noi, che stiamo soffrendo davanti a tanta angoscia che la chiesa cattolica impone ai veneti; consapevoli che i veneti sono troppo vigliacchi per cercare le cause della disperazione che li attanaglia; dalla riva del fiume della vita assistiamo al galleggiare di cadaveri che un tempo furono corpi pieni di passioni frustrate.


09 luglio 2010
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento