La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

sabato 2 ottobre 2010

Gli avvocati e l'attività estorsiva.


Tribunali in Veneto: più centri finalizzati all'aggressione dei cittadini che non usati per fare giustizia.

---

E’ lo specchio dell’Ordine degli Avvocati del Veneto.
Non tutti gli avvocati veneti sono così, alcuni sono onesti, ma quest’episodio dipinge la realtà morale della stragrande maggioranza degli avvocati che, di fatto, privano i cittadini di un’onesta difesa nei tribunali.
Spesso i cittadini sono ingannati dagli avvocati, truffati. Avvocati che vedono nei cittadini prede da derubare e depredare sia allungando le cause che, spesso, fingendo di non conoscere i codici.
Questo avvocato dice di essere stata tradita da un cliente?
L’avvocato dovrebbe fare l’avvocato e dovrebbe conoscere quanto concerne la sua professione: ma finge di non sapere.
Riporto l’articolo:


TREVISO
Sexy estorsione, in manette
un'avvocatessa e il marito
I due sono presunti intermediari del ricatto ai danni di un imprenditore, pronto a pagare 400mila euro per ritirare foto compromettenti. Arrestato un sanmarinese, tre denunciati



TREVISO – Sexy estorsione di Treviso. Il procuratore Antonio Fojadelli e il comandante del nucleo di polizia tributaria della guardia di finanza Giuseppe De Maio hanno illustrato i dettagli dell’operazione che ha condotto all’arresto di due trevigiani, di un sanmarinese e alla denuncia di altre tre persone. L’attività, svolta in collaborazione con la gendarmeria della Repubblica di San Marino, ha infatti portato in carcere l’avvocatessa Adele Giordano e il marito Alfonso Romano, presunti intermediari dell’azione illecita. Ma nei guai sono finiti anche un sanmarinese, considerato il mandante dell’atto criminoso, nonché suo figlio e un ex militare in congedo. Secondo quanto è trapelato, il gruppetto avrebbe ordito un ricatto ai danni di un imprenditore. Quest’ultimo sarebbe stato pronto a pagare 400mila euro (dopo un’iniziale richiesta di 600mila) per veder ritirare alcune foto compromettenti che lo riguardavano. Al momento dello scambio di valigette, da una parte i contanti e dall’altra le immagini, avvenuto nello studio della legale, i militari delle fiamme gialle sono però usciti allo scoperto e hanno provveduto agli arresti. La difesa della professionista sostiene che la donna sarebbe stata tradita da un cliente scorretto: pensava di dover effettuare un recupero crediti.
A. Pe.02 ottobre 2010

Tratto da:
http://corrieredelveneto.corriere.it/treviso/notizie/cronaca/2010/2-ottobre-2010/sexy-estorsione-manette-avvocatessa-marito-1703869752495.shtml

In fondo rende molto di più un’azione estorsiva che non la difesa di chi non ha reddito o non ha possibilità di difendersi.
E’ una delle degenerazioni della società del Veneto che ormai, in tutte le sue parti, va inevitabilmente verso il disastro sociale.
La cronaca, quella di oggi, ci parla di questo episodio, ma milioni di altri episodi rimangono occulti perché troppo spesso i “clienti” si vergognano a chiedere giustizia nei confronti degli avvocati che li hanno usati.
Per contro i magistrati collaborano con gli avvocati per rapinare i disperati. Anziché applicare la legge come prevede il Codice di Procedura Penale preferiscono accollare capi di imputazione gravissimi che, tanto, nel dibattimento saranno ridimensionati.
E’ una forma di terrorismo che vige nel Veneto.

02 ottobre 2010
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento