La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 27 ottobre 2011

Barboni, senza tetto, clochard di Treviso a pugni e calci per una coperta: grazie Gentilini, grazie Gobbo. Quando anche voi diventerete barboni?



Quando la miseria è costretta a rubare alla miseria.
Nel Veneto ex ricco e oggi disperato, succede anche questo. E’ il successo economico di Galan, Zaia, Gentilini, Gobbo. Gente per i quali la povertà è un’aggravante del reato, ma loro, che vivono di truffe e di inganno dei Veneti, mica sono come questi miserabili. I loro delitti non fanno schifo e per i magistrati non sono nemmeno delitti: come si permettono gli schiavi in ginocchio a chiedere al loro padrone di giustificare le sue azioni?
Sembra di essere nel film di Mel Brooks, la Storia del Mondo. Siamo alla vigilia della rivoluzione francese dove “i poveri che rubano ai poveri” e dove ai banchi non c’è nulla da vendere mentre il re pensa al suo bunga-bunga: “non metterti niente, di complicato” dice alla supplice.


BARBONE FATTO SLOGGIARE A CALCI E PUGNI
Era sul sagrato della chiesa del Sacro Cuore ed altri due senza tetto l’hanno aggredito
27-10-2011
TREVISO – Se ne stava steso sul sagrato della chiesa del Sacro Cuore in via Lancieri di Novara. Un posto già occupato diverse volte per dormire dal clochard, un rumeno di 30 anni.
Eppure l’altra notte mettersi proprio lì gli è costato caro. Il senza tetto è stato avvicinato da altri due barboni che l’hanno aggredito.
I due l’hanno preso a calci e pugni e l’hanno fatto sloggiare, rubandogli pure la coperta, cosa che ha attirato l’attenzione di alcuni passanti i quali hanno chiamato la polizia.
I due aggressori, però, all’arrivo della volante erano già spariti. Il giovane clochard ha detto di conoscere di vista i due, ma non ha voluto fare i loro nomi e tantomeno sporgere querela nei loro confronti. M. Cer.
Tratto da:
http://www.oggitreviso.it/barbone-fatto-sloggiare-calci-pugni-41271

Quello che io mi chiedo: perché questi barboni non vanno a rubare nei supermercati?
Che cosa hanno da perdere?
Perché rubare una coperta ad un altro barbone?
Perché i carabinieri se li arrestano non li mandano a processo, ma li ammazzano di botte?
E’ probabile!Carabinieri e Polizia di Stato hanno perso la consapevolezza di essere dei cittadini e vivono una sorte di impunità onnipotente che esercitano mediante la violenza sulla gente ammanettata. Tanto, prima che i magistrati ne perseguano le aggressioni, il malcapitato deve morire di botte. Anche questi senza tetto sono stati truffati dai cattolici: non hanno consapevolezza di che cosa possono fare nel mondo in cui vivono anziché accettare di morire lentamente.
E’ una fotografia che ci fa comprendere il senso della disperazione in Veneto.
Una disperazione che aumenta giorno dopo giorno.


Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

28 ottobre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento