La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

venerdì 14 ottobre 2011

Il disagio sociale del Veneto e la distruzione del tessuto economico: è una questione di teologia religiosa.




Il problema della società Veneta è un problema essenzialmente RELIGIOSO.

Come i Veneti distruggono il futuro dei loro figli e il perché: E’ UN PROBLEMA RELIGIOSO!

Come viene diffusa la disperazione e l’angoscia nel Veneto, è un problema RELIGIOSO.
Come e perché avvengono i licenziamenti e la distruzione del tessuto economico e sociale del VENETO, è un problema RELIGIOSO.
Gli stessi provvedimenti assunti dai sindaci del Veneto: sono problemi religiosi.
La distruzione dell’economia nella Regione Veneto, è un problema religioso.
La politica parte dal presupposto che gli uomini siano immobili, creati da un dio padrone, e che, come tali, basta ordinare per ottenere. Questa è una concezione religiosa della vita che porta, inevitabilmente, verso lo stupro dell’infanzia e la costruzione di cittadini inadeguati ad affrontare i problemi del loro presente.


Foto: La teologia della religione Pagana, per iniziare a risolvere i problemi del Veneto e dell'Italia: http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=627568


Il bullismo nel Veneto: è un problema religioso.
Lo spaccio di droga nel Veneto: è un problema religioso.
La necessità di sicurezza dei veneti, è un problema religioso.
La manipolazione distruttiva della psiche che i bambini subiscono dal primo al terzo anno di vita per costringerli ad “onorare il padre e la madre” non è solo fonte di disagio, ma è il fondamento dell’80% della criminalità nel Veneto. La Corte di Cassazione cerca di invertire il principio religioso cristiano di “onora il padre e la madre” in “onora i figli e sii responsabile nella costruzione del loro futuro”, ma la Corte di Cassazione pone un problema di ordine sociale, non incide sulla questione religiosa che, manipolando le pulsioni infantili fin dal primo anno di vita, costringe il futuro cittadino a far dipendere le proprie scelte da una condizione psicologica di sottomissione.

Foto: Quando gli operai rendono omaggio ad uno stupratore di bambini per assicurarsi un appoggio in stile mafioso (l'amico dell'amico) al fine di sopravvivere, determina l'esatta dimensione della distruzione del tessuto sociale, etico e morale del Veneto.


Chi e cosa è l’uomo e chi e che cosa è il DIO? Dalle risposte date a questa si genera il disagio sociale o si può generare un possibile futuro glorioso per la società del Veneto e dell’Italia tutta.


[1] Che cos’è un Dio?

Un DIO è un Essere, qualunque sia la sua natura, che prende consapevolezza della propria individualità ritenendosi diverso dal circostante in cui è diventato consapevole.

Mentre nella religione cristiana il termine “dio” è sinonimo di “padrone” in quanto dio, per i cristiani è il padrone assoluto dell’esistente, nella Religione Pagana “dio” è colui che si trasforma e diviene nel mondo in cui è venuto in essere.

Ogni Essere, qualsiasi sia la sua natura e il suo divenuto, nel momento stesso in cui esercita la sua Volontà per sviluppare il proprio Potere di Essere, è un dio fra Dèi dal momento che il circostante è formato da Coscienze il cui scopo è diventare eterne sviluppando il loro Potere di Essere: cioè Dèi.

L'adattamento delle Coscienze attraverso Necessità e Volontà trasforma il mondo in cui viviamo in un insieme divino di cui siamo parte nella misura in cui agiamo per sviluppare il nostro Potere di Essere.

Paganesimo Politeista tutti gli Esseri della Natura, la Natura nel suo insieme, la Terra, il Sole, la Luna, i Pianeti, le Stelle, le Galassie, gli Esseri di sola Energia Vitale altro non sono che Coscienze di Sé, divini, che attraverso la propria sequenza di mutamenti tendono a diventare eterni.

Con gli Dèi si cammina assieme relazionandoci attraverso le azioni che vengono espresse dai nostri desideri, ma non ci si può mettere in ginocchio pena la distruzione del nostro divenire come Dèi.

Religione Pagana un’emozione è un DIO; nella Religione Pagana un’azione è un DIO; quando noi ci emozioniamo manifestiamo il DIO dentro di noi; quando noi agiamo, scegliendo, la nostra azione è un DIO che perturba il mondo. Che poi dietro a quell’azione ci sia un progetto, un’intelligenza e uno scopo, questa è un’altra cosa. Noi, per individuare gli Dèi osserviamo le azioni e dal come le azioni perturbano il presente in cui viviamo, capiamo la qualità del dio, la direzione del suo operare e i suoi scopi.

[2] Quand’è che si dice: “Questo è un Dio?”

Quando si individua nell’altro la sua intelligenza, le sue determinazioni e i suoi scopi al di là dei tempi e dei modi in cui determinazioni e scopi vengono veicolati.

Il DIO è colui che con la sua azione perturba il suo presente migliorando le condizioni della propria esistenza e, nel far questo, costruisce le condizioni affinché altri Esseri possano costruire il loro percorso per trasformarsi in Dèi.

Il DIO è un soggetto in costruzione, in continua modificazione, un soggetto che usando la propria volontà per veicolare i suoi bisogni e i suoi desideri, percorre un commino di mutamento dopo mutamento.

Si può usare indifferentemente l’espressione “essere un dio che agisce” o “diventare un dio”. L’azione del soggetto è espressione della sua volontà che agendo nel presente costruisce il dio che sarà mediante la trasformazione di sé stesso in quel presente.


Il cristianesimo è solo delirio di sottomissione. Volontà di sottomettere a tutti i costi. Una volontà di sottomettere che viene contrastata dalle norme della società civile e dalla Costituzione Italiana, dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’uomo, dal Trattato di Nizza e dalla Costituzione Europea. Una volontà di sottomettere che i cristiani rinnovano aggredendo i principi sociali attraverso retorica interpretativa attribuendo ad essi, come organizzazione, i diritti che tolgono ai cittadini per trasformarli in pecore di un gregge obbediente (al buon pastore che le porta al macello della vita). Al bisogno di libertà degli uomini il cristianesimo risponde mediante l’imposizione della schiavitù sociale. Da questo scontro nasce il disagio che rende difficoltosa e angosciosa l’esistenza umana.
In questo delirio di sottomissione e disagio sociale per un futuro negato, ci sono gli sciacalli pronti a gettarsi sul cadavere del disagio sociale e a cogliere l’occasione per assicurare a sé e ad altri un “ingiusto profitto”. I preti cattolici e i vescovi pronti ad assicurarsi mezzi economici e politici che garantiscano loro il diritto di stuprare e violentare i bambini impedendo ai bambini di conoscere le regole che determinano la società civile. Il terrorismo dei separatisti veneti che cavalcando il disagio sociale, da essi stessi costruito, cercano di distruggere definitivamente l’economia Veneta. Personaggi come Benetton e la confindustria che finanziando personaggi come Zaia aiutano a violentare i cittadini del Veneto per assicurarsi vantaggi violando leggi, norme e regole sociali, pur di avvantaggiarsi sulla miseria sociale.
Banditi come i venetisti pronti a muovere guerra ai musulmani al solo fine di impedire alle persone di avere un salario come la legge prevede e una società sicura.

Tutto questo è un problema religioso che vedi il razzismo moderno nascere dall’odio religioso del Gesù di Nazareth contro i Farisei perché non si mettono in ginocchio davanti a lui; l’odio del Gesù di Nazareth teso a costruire miseria nella società civile perché lui, in quanto padrone, verrà con grande potenza sulle nubi (il ricco che deve rinunciare alle sue ricchezze per trasformarsi in povero); l’odio del Gesù di Nazareth che incita al banditismo contro la società per costringerla a sottomettersi al buon samaritano; l’odio di Gesù per i bambini che lo porta ad essere arrestato col bambino nudo; l’odio di Gesù per chi ha consapevolezza della propria dignità sociale e l’ordine di scannare chi non si sottomette affinché ogni ginocchio si pieghi davanti a questo criminale. Sono elementi sociali fondanti l’ideologia nazista, quella dei campi di sterminio, che si diffondono nella società in mancanza di un dibattito teologico sulla realtà del “dio” o degli “dèi” e della relazione fra l’uomo, la società e il mondo in cui l’uomo vive. Un dibattito che viene impedito all’orda criminale e terroristica dei vescovi cattolici con i preti criminali al fine di imporre la sottomissione dei cittadini mediante pallottole psico-fisiche sparate nella testa dei cittadini e della Costituzione della Repubblica.
Il dibattito teologico deve essere ripreso nella società civile perché è l’unico modo per costruire un progetto di futuro sociale.
Gli argomenti proposti al dibattito dal libro http://ilmiolibro.kataweb.it/schedalibro.asp?id=627568 .

INDICE

INDICE 3
Premessa e presentazione 7
[1] Che cos’è un Dio? 12
[2] Quand’è che si dice: “Questo è un Dio?” 13
[3] Come si individua nell’altro intelligenza determinazioni e scopi? 14
[4] Cosa sta alla base della vita del DIO? 15
[5] Qual è il movimento dell’Universo? 17
[6] Gli Dèi hanno corpi? 18
[7] I corpi degli Dèi sono compatti? 21
[8] Esiste un Dio senza un corpo? 24
[9] Che cosa vogliono gli Dèi dagli esseri della natura e dagli Esseri Umani? 25
[10] Qual è il fine della vita e della Natura? 26
[11] Qual è il ruolo dell’Essere Umano in tutto questo? 28
[12] Il premio per una vita disciplinata è la costruzione del corpo luminoso? 29
[13] Che cos’è il male? 30
[14] Quando nasce un dio? 32
[15] Qual è il rapporto fra uomo e Natura? 33
[16] Qual è la scelta religiosa per l’uomo? 34
[17] Dove sta la felicità dell’uomo? 35
[18] Che cos’è la voce “dell’Anticristo” nella Religione Pagana? 36
[19] Come i Pagani riconoscono gli Dèi nel mondo? 37
[20] Come l’uomo interpreta la realtà degli Dèi nel mondo? 38
[21] Perché la specie umana si è imposta sul pianeta? 39
[22] Qual è il rapporto fra Dèi e Natura? 40
[23] Come avviene la comunicazione fra Esseri Umani e Dèi? 41
[24] Qual è il “patto” che la specie umana ha concluso con l’Essere Terra e l’Essere Natura? 42
[25] Gli Dèi rivelano la loro presenza all’Essere Umano? 43
[26] Chi trasmette la conoscenza degli Dèi? 44
[27] Qual è il Libro Sacro della religione Pagana? 45
[28] Quando il libro sacro di un Essere Umano è certamente più utile di un altro libro sacro? 46
[29] Qual è la relazione fra la Religione Pagana e il libro sacro di ogni Essere Umano? 47
[30] Come i Pagani accolgono i principi della Religione Pagana? 48
[31] Chi interpreta correttamente il volere degli Dèi? 49
[32] Che cosa intende un Pagano per Scrittura Sacra? 50
[33] Perché il mondo in cui vive è la scrittura sacra del Pagano? 51
[34] Chi è demandato ad interpretare il mondo come Scrittura Sacra? 52
[35] Perché un Pagano di oggi non interpreta il mondo come facevano le Antiche Religioni? 53
[36] Perché i Pagani usano i nomi degli Antichi Dèi e molte cose delle Antiche religioni? 54
[37] Quali strumenti i Pagani usano per interpretare il mondo come Scrittura Sacra? 55
[38] Qual è la risposta dell’Essere Umano agli Dèi che lo chiamano a partecipare alle sfide della vita? 56
[39] Cosa distrugge la tensione verso l’assoluto dell’uomo allontanandolo dagli Dèi? 57
[40] Perché la fede, la speranza e la carità allontanano l’Essere Umano dagli Dèi? 58
[41] Perché gli uomini sono costretti ad aver fede? 59
[42] Perché il Pagano non ha “fede”? 60
[43] Da cosa vengono attirati gli Dèi per affiancare gli Esseri Umani? 61
[44] Che cosa alimenta il legame, la religione, fra l’Essere Umano, il mondo e gli Dèi dal momento che non è la fede? 62
[45] Che cos’è “uno” nella Religione Pagana? 63
[46] Qual è il ruolo dell’Energia Vitale nella formazione della vita? 64
[47] Gaia è l’Essere Supremo della Religione Pagana? 65
[48] Se Gaia non è l’Essere Supremo, qual è l’Essere Supremo nella Religione Pagana? 66
[49] Il dio padre, non è colui che genera? 67
[50] Cosa lega il padre ai figli; gli Dèi a coloro che sono germinati dalle loro condizioni? 68
[51] Che cos’è il mistero e il segreto nella Religione Pagana? 69
[52] Che cos’è la “rivelazione” nella religione Pagana? 70
[53] Gli Dèi rivelano segreti agli Esseri Umani? 71
[54] Come nasce il bisogno di avvolgere qualche cosa nell’aura del mistero o del segreto? 72
[55] Perché i misteri e i segreti portano alla superstizione? 73
[56] Da questo punto di vista, in cosa consiste la “fede”, intesa come “adesione”, delle persone alla Religione Pagana? 74
[57] Perché molte antiche religioni erano “misteriche”? 75
[58] Che cos’è l’Onnipotente? 76
[59] Perché la ragione arriva a delirare proiettandosi in una ragione onnipotente? 77
[60] Cosa contraddice il delirio di onnipotenza della ragione? 78
[61] Come ci si libera dal delirio di onnipotenza della ragione? 79
[62] Che cosa si intende per creazione? 80
[63] Quando un dio crea? 81
[64] Un dio può creare dal nulla? 82
[65] Cosa ci fu all’inizio del tempo? 83
[66] Cosa ci sarà alla fine del tempo, dei mutamenti? 84
[67] Cosa ci sarà dopo la Coscienza Universale? 85
[68] Noi possiamo conoscere i meccanismi di trasformazione dell’universo? 86
[69] Esiste un fine ultimo dell’esistenza? 87
[70] Chi sono i padri della vita come noi, Esseri Umani, li consideriamo? 88
[71] Come identifichiamo la Terra generatrice? 89
[72] Come identifichiamo nella sua Coscienza la Terra generatrice? 90
[73] Che cos’è il Daimon o la Juno e il Genio? 91
[74] Oltre agli Esseri della Natura, esistono altre forme consapevoli che ci circondano? 92
[75] Quali sono le leggi della Natura che la Religione Pagana rispetta? 93
[76] Come nasce l'uomo? 94
[77] Qual è la relazione fra condizioni oggettive e trasformazioni soggettive? 95
[78] Cos'è la volontà? 96
[79] Qual è la sostanza dell'uomo? 97
[80] L'Essere Umano è uomo e donna? 98
[81] Perché come Esseri Umani ci siamo separati dalla Natura? 99
[82] Che cos'è la morte del corpo fisico? 100
[83] Quando la morte del corpo fisico è vita eterna? 101
[84] Quando la morte del corpo fisico coincide con la fine dell'esistenza? 102
[85] Perché l'Essere Umano, per diventare un Dio, attraversa il sentiero di Dioniso? 103
[86] E' attraverso la morte del corpo fisico che ci trasformiamo in Dèi? 104
[87] E i nostri antenati, come concorrono? 105
[88] Esiste il "peccato" nella religione pagana? 106
[89] Nella Religione Pagana, come ci si redime da scelte "incoerenti"? 108
[90] Cosa significa Dio? 109
[91] Cosa significa considerare ogni soggetto della Natura un DIO? 110
[92] Che cosa uccide il DIO negli Esseri Umani? 111
[93] Cosa assicura un Essere Umano di diventare un DIO? 113
Tesi teologiche della Religione Pagana che comprendono anche lo sciamanesimo dalle pratiche di Numa ai moderni sciamani. 115

Questo è un contributo dei Veneti per un Veneto consapevole nel proprio presente e capace di costruire un futuro sia per sé stesso che per tutta l’Italia.

Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!


14 ottobre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento