La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 27 ottobre 2011

Veneto, angoscia e disperazione nella cronaca quotidiana



Quanto abbiamo protestato per tentare di far diventare effettivi diritti esistenziali percepiti come importanti non solo per i singoli individui, ma per l’intera società civile.
Si agiva in Veneto. Masse protestavano e qualcuno riusciva ad ottenere dei vantaggi da tali proteste ma, anziché usare il vantaggio per rafforzare le rivendicazioni, da buon cristiano, si fregava le mani e diceva: “Ve l’ho messa in culo!”.
C’erano persone che cedevano il loro tempo e la loro vita per altri senza un tornaconto personale e gli altri, quelli a cui cedevano la vita per migliorare la loro, agivano per tornaconto personale: da bravi cristiani.
Chi lottava per la casa come diritto nei quartieri (ricordo Verona 1975), spesso non aveva delle richieste personali, ma percepiva il diritto come una ricchezza sociale che andava ampliata.
Non si riuscì ad ampliare la società del diritto, ma gli adoratori del macellaio di Sodoma e Gomorra imposero la società della carità e della sottomissione al padrone.
Fu una grande sconfitta sociale che bloccò la Costituzione della Repubblica e dette il via a quel processo di distruzione sociale che oggi, ampliato dalla crisi economica di questi quattro anni, porta sia allo sviluppo dell’angoscia sociale che alla disperazione esistenziale.
Quella linea di possibilità si è esaurita: ora non resta che contare i cadaveri della disperazione che, inevitabilmente, sono destinati ad aumentare.
Riporto l’articolo dall’Ansa:


Sfrattato tenta suicidio a Verona, si getta finestra ex casa
Era stato allontanato in agosto; aveva anche aperto gas
26 ottobre, 18:12

(ANSA) - VERONA, 26 OTT - E' ricoverato all'ospedale di Verona in prognosi riservata un uomo di 62 anni che oggi e' ritornato nell'appartamento da cui era stato sfrattato lo scorso agosto e che, all'arrivo della polizia, avvisata dal proprietario, si e' gettato dal secondo piano.Riuscito ad entrare nella sua ex casa a Verona l'uomo aveva in un primo momento aperto il gas: dopo l'intervento dei vigili del fuoco che hanno bloccato la fornitura di metano il 62enne ha tentato il gesto estremo lanciandosi da una finestra, rimanendo gravemente ferito. (ANSA).

Tratto da:
http://www.ansa.it/web/notizie/regioni/veneto/2011/10/26/visualizza_new.html_666997932.html

“la casa è un diritto” si diceva, ma quel diritto non lo si è trasformato in legge. O meglio, per legge il proprietario ha il diritto alla casa in quanto proprietà privata non in quanto bene che, per quanto gli dia reddito e ricchezza, ha una funzione sociale. La società viene dopo la proprietà privata dei beni. Privati cittadini che, mediante l’uso dei beni, tendono a distruggere la società civile.
Più le persone si separano dalla società civile perseguendo un loro interesse al di fuori o contro di essa, più queste persone seminano la miseria sociale. I senza lavoro ruberanno; i rom emarginati creeranno difficoltà sociale, i licenziati si adatteranno. I pensionati costretti per paura a lasciare il posto di lavoro, faranno il doppio lavoro; l’imprenditore frutterà il lavoro nero e risparmierà sui mezzi antinfortunistici; le finanziarie indebiteranno le famiglie numerose e le banche, attraverso il sistema dei mutui, sottrarranno i beni acquistati da individui fragili che confideranno nella provvidenza anziché nell’analisi del mercato e delle loro prospettive economiche.
Infine, lo Stato di Berlusconi favorirà il gioco d’azzardo e i giovani si faranno di cocaina, eroina e alcool per sopravvivere.
In questo immiserimento sociale, gli extracomunitari avranno maggiori possibilità che non i Veneti. Infatti, potendo adattarsi a condizioni di lavoro molto basse e misere, hanno la possibilità di costruire un loro futuro mentre i Veneti, cresciuti in un ambiente apparentemente opulento, vedranno il disfacimento delle loro condizioni di vita.
Ci sono sconfitte il cui prezzo viene pagato dall’intera società civile.


Entra nel circuito del pensiero religioso, sociale, economico ed etico della Religione Pagana!

27 ottobre 2011
Claudio Simeoni
Meccanico
Apprendista Stregone
Guardiano dell’Anticristo
P.le Parmesan, 8
30175 – Marghera Venezia
Tel. 3277862784
e-mail claudiosimeoni@libero.it

Nessun commento:

Posta un commento