La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

martedì 24 maggio 2016

Terrorismo nella modifica alla Costituzione: introduzione della discriminazione per sesso.


Art. 1. 
(Funzioni delle Camere). 

1. L'articolo 55 della Costituzione è sostituito dal seguente:

Comma secondo

Le leggi che stabiliscono le modalità di elezione delle Camere promuovono l'equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza.

Commento e osservazioni


Questo è il secondo comma dell’art. 1 che modifica l’articolo 55 della Costituzione come voluto da Boschi e da Renzi.

Questa è la prima osservazione che solleviamo delle possibilità criminali introdotte nella società da Matteo Renzi e dalla Boschi su approvazione del Parlamento della Repubblica Italiana.

Nella società siamo abituati al teatro dell’assurdo ideologico. Ci sono persone che proclamano che il dio padrone cristiano esiste, non lo dimostrano, ma pretendono che le persone si mettano in ginocchio davanti alla loro farneticazione. Affermano che sia esistito il pederasta in croce e violentano i bambini per metterli in ginocchio affinché supplichino e impediscono loro di conoscere i principi Costituzionali. Viviamo in pieno teatro dell’assurdo ideologico dove la proibizione Costituzionale della guerra viene derisa e il lavoro viene comprato e venduto a seconda degli interessi del Presidente del Consiglio di turno. Siamo in pieno teatro dell’assurdo ideologico nazista dove chi critica si trova una pistola puntata alla testa e… cosa succederà alla società civile con questa riforma?

Il parlamento ha approvato il riconoscimento delle Unioni civili. La prima osservazione è la divisione sessista che stabilisce un equilibrio fra donne e uomini nella rappresentanza, discriminando, di fatto, i transessuali per i quali non è previsto equilibrio nel parlamento. Per questa riforma Costituzionale, la società non è composta da persone, ma da maschi e femmine introducendo, di fatto, una discriminazione che viola l’articolo 3 della costituzione. E non è una cosa da poco perché, di fatto, si umilia una minoranza discriminandola nel suo orientamento sessuale e si stabiliscono dei modelli sociali differenti basati non sulle capacità, ma sul pene e la vagina.

Qualcuno potrebbe applaudire a questa violenza.

Un paese è fatto di persone, se si introduce una discriminazione fra le persone distinguendole in uomini e donne in una legge Costituzionale, di fatto si introduce una discriminazione fra le persone dove, il soggetto di diritto Costituzionale non è più la persona in quanto tale, ma soggetto identificato in quanto uomo e in quanto donna.

Che si possa fare una legge a tutela di un sesso che appare discriminato o rappresentato in maniera non adeguata, è un discorso, ma che si introduca una distinzione di uomini e donne fra i soggetti che partecipano alla società civile è un attentato all’uguaglianza dei soggetti davanti alla legge perché questa condizione introduce la possibilità di fare leggi per le donne e di fare leggi per gli uomini: il che significa introdurre la possibilità di imporre il velo di Paolo di Tarso alle donne perché:

 “Voglio tuttavia che sappiate questo: Cristo è il capo di ogni uomo, l'uomo è capo della donna e Dio è capo di Cristo. Ogni uomo che prega e profetizza a capo coperto, disonora il suo capo; al contrario, ogni donna che prega o profetizza a capo scoperto, disonora la sua testa, perché è come se fosse rasa. Se una donna, dunque, non vuol portare il velo, si faccia anche tagliare i capelli! Ma se è vergognoso per una donna essere rasa, si copra col velo.

L'uomo, invece, non deve coprirsi la testa, perché è immagine e gloria di Dio; mentre la donna è gloria dell'uomo. Infatti, l'uomo non ebbe origine dalla donna, ma fu la donna ad esser tratta dall'uomo; né fu creato l'uomo per la donna, bensì la donna per l'uomo. Quindi la donna deve portare sul capo il segno della podestà per riguardo agli angeli.” 

Paolo di Tarso, 1 Corinti 11, 3-10

E ancora:

“Come in tutte le chiese dei Santi, le donne nelle riunioni tacciano, perché non è stata affidata a loro la missione di parlare, ma stiano sottomesse, come dice anche la legge. Se vogliono essere istruite in qualche cosa, interroghino i loro mariti a casa, perché è indecoroso che una donna parli in un'assemblea. Forse è uscita da voi la parola di Dio? O è giunta soltanto a voi? Se uno crede di essere profeta o avere i doni dello Spirito, riconosca che quanto scrivo è un ordine del Signore. Se qualcuno non lo riconosce, non sarà riconosciuto.” 

Paolo di Tarso, 1 Corinti 14, 34-38

Quel principio di:

Le leggi che stabiliscono le modalità di elezione delle Camere promuovono l'equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza.

Apre alla discriminazione sessista di chi può fare le leggi per stabilire l’equilibrio fra donne e uomini nella società: la donna sia schiava e sottomessa dell’uomo, o viceversa, perché non sono più persone uguali, ma sessi diversi che devono essere equilibrati.

A me non interessano le intenzioni di chi ha fatto la modifica Costituzionale, ma gli effetti e gli effetti sono la discriminazione sociale.

Qualcuno potrebbe anche obbiettare: “E se la presidenza del consiglio fosse presa dagli islamici?” La necessità di equilibrio fra uomini e donne potrebbe venir ordinata in base alla legge islamica. Un po’ come è avvenuto in Turchia da parte di Erdogan contro la libertà della donna. Hitler potrebbe trovare un altro equilibrio fra uomini e donne.

1^ osservazione e riflessione sulla riforma Costituzionale di Boschi-Renzi

Marghera, 24 maggio 2016





Testo originale



Riforma costituzionale: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale
Disegno di legge, 12/04/2016 , G.U. 15/04/2016
Approvato dalla Camera dei Deputati il 12 aprile 2016 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016
CAMERA DEI DEPUTATI
TESTO LEGGE COSTITUZIONALE  
 «Disposizioni  per  il  superamento  del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento  dei  costi  di  funzionamento  delle  istituzioni,   la soppressione del CNEL e la revisione del  titolo  V  della  parte  II della Costituzione».
GU n.88 del 15-4-2016

Entro tre mesi dalla pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale  del testo seguente, un quinto dei membri di una Camera, o cinquecentomila elettori, o  cinque  Consigli  regionali  possono  domandare  che  si proceda al referendum popolare. 
Capo I 
MODIFICHE AL TITOLO I DELLA PARTE II DELLA COSTITUZIONE 


Art. 1. 
(Funzioni delle Camere). 

1. L'articolo 55 della Costituzione è sostituito dal seguente:

«Art. 55. – Il Parlamento si compone della Camera dei deputati e del Senato della Repubblica.

Le leggi che stabiliscono le modalità di elezione delle Camere promuovono l'equilibrio tra donne e uomini nella rappresentanza.

Ciascun membro della Camera dei deputati rappresenta la Nazione.

La Camera dei deputati è titolare del rapporto di fiducia con il Governo ed esercita la funzione di indirizzo politico, la funzione legislativa e quella di controllo dell'operato del Governo.

Il Senato della Repubblica rappresenta le istituzioni territoriali ed esercita funzioni di raccordo tra lo Stato e gli altri enti costitutivi della Repubblica. Concorre all'esercizio della funzione legislativa nei casi e secondo le modalità stabiliti dalla Costituzione, nonché all'esercizio delle funzioni di raccordo tra lo Stato, gli altri enti costitutivi della Repubblica e l'Unione europea. Partecipa alle decisioni dirette alla formazione e all'attuazione degli atti normativi e delle politiche dell'Unione europea. Valuta le politiche pubbliche e l'attività delle pubbliche amministrazioni e verifica l'impatto delle politiche dell'Unione europea sui territori. Concorre ad esprimere pareri sulle nomine di competenza del Governo nei casi previsti dalla legge e a verificare l'attuazione delle leggi dello Stato.


Il Parlamento si riunisce in seduta comune dei membri delle due Camere nei soli casi stabiliti dalla Costituzione». 

Nessun commento:

Posta un commento