La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

sabato 11 giugno 2016

Distruggere la Repubblica Parlamentare distruggendo la Costituzione

Qual è il significato sociale dell’Articolo Due introdotto dalla riforma
L'odio religioso voluto dai cristiani aprile 2015
assalto al Bosco Sacro di Jesolo
Costituzionale voluta dal Parlamento su istigazione di Matteo Renzi e della Boschi?
L’elezione dei Senatori è fatta in modo tale da sottrarla ai cittadini per far diventare il Senato un’associazione lobbistica che rappresenta interessi locali dei vari potentati che si costituiranno per l’occasione.

Riforma costituzionale: il testo pubblicato in Gazzetta Ufficiale

Disegno di legge, 12/04/2016, G.U. 15/04/2016
Approvato dalla Camera dei Deputati il 12 aprile 2016 e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016

CAMERA DEI DEPUTATI
TESTO LEGGE COSTITUZIONALE

 «Disposizioni per  il  superamento  del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento  dei  costi  di  funzionamento  delle  istituzioni,   la soppressione del CNEL e la revisione del  titolo  V  della  parte  II della Costituzione».
GU n.88 del 15-4-2016

Entro tre mesi dalla pubblicazione  nella  Gazzetta  Ufficiale  del testo seguente, un quinto dei membri di una Camera, o cinquecentomila elettori, o  cinque  Consigli  regionali  possono  domandare  che  si proceda al referendum popolare.

Art. 2. 
(Composizione ed elezione del Senato della Repubblica).

1. L'articolo 57 della Costituzione è sostituito dal seguente:
«Art. 57. – Il Senato della Repubblica è composto da novantacinque senatori rappresentativi delle istituzioni territoriali e da cinque senatori che possono essere nominati dal Presidente della Repubblica.
I Consigli regionali e i Consigli delle Province autonome di Trento e di Bolzano eleggono, con metodo proporzionale, i senatori tra i propri componenti e, nella misura di uno per ciascuno, tra i sindaci dei Comuni dei rispettivi territori.
Nessuna Regione può avere un numero di senatori inferiore a due; ciascuna delle Province autonome di Trento e di Bolzano ne ha due.
La ripartizione dei seggi tra le Regioni si effettua, previa applicazione delle disposizioni del precedente comma, in proporzione alla loro popolazione, quale risulta dall'ultimo censimento generale, sulla base dei quozienti interi e dei più alti resti.
La durata del mandato dei senatori coincide con quella degli organi delle istituzioni territoriali dai quali sono stati eletti, in conformità alle scelte espresse dagli elettori per i candidati consiglieri in occasione del rinnovo dei medesimi organi, secondo le modalità stabilite dalla legge di cui al sesto comma.
Con legge approvata da entrambe le Camere sono regolate le modalità di attribuzione dei seggi e di elezione dei membri del Senato della Repubblica tra i consiglieri e i sindaci, nonché quelle per la loro sostituzione, in caso di cessazione dalla carica elettiva regionale o locale. I seggi sono attribuiti in ragione dei voti espressi e della composizione di ciascun Consiglio».


Cosa implica questa modifica:
Innanzi tutto il Senato è sottratto ai cittadini.
I cittadini eleggono i senatori solo indirettamente attraverso i Consigli Regionali che a loro volta eleggono i Senatori che a loro convengono. Non è più la persona o il Partito presente nel Senato della Repubblica, ma semplici funzionari senza ideali e senza dignità né politica né ideologica.

Verranno designate persone che rappresentano interessi economici, banche che truffano i clienti o imprenditori dediti ai crimini che useranno le Istituzioni per alimentare e favorire i propri traffici e i propri interessi magari anche senza commettere crimini perché tanto possono agire in sede Istituzionale.

Si possono aumentare o diminuire il numero dei  Senatori, ma sottrarli all’elezione da parte dei cittadini è un atto di eversione dell’Ordine democratico che qualifica un percorso preciso verso la dittatura fascista e nazista.

I Senatori non dipendono più degli elettori, ma dai Consigli Regionali e dagli interessi economici che controllano la Regione.

Quando si è pensato il Senato, si è pensato in modo da dare un equilibrio di maturità rispetto ad una Camera nella quale potevano essere elette persone più giovani. Si pensava che eleggendo persone oltre il quarantesimo anno d’età si sarebbero introdotte nel Parlamento persone con una certa esperienza di vita capaci di ponderare scelte di una Camera più legata allo spontaneismo giovanilista al di là delle idee sociali e politiche dei singoli deputati.

Con questa riforma si introducono nel Senato gli interessi economici e lobbistici propri delle singole regioni.

Il Senato diventa un braccio esecutivo delle Regioni all’interno del Parlamento della Repubblica Italiana.

Come la Camera diventa un braccio esecutivo de Governo, così il Senato, manifestato dalle Regioni, perde il suo potere sia di legiferare che di controllo dell’attività di Governo.

Sono Consiglieri e Sindaci che diventano Senatori e non cittadini con un indirizzo ideologico in cui direzionare l’azione legislativa e l’azione di Governo.

In questo viene limitata la discrezionalità del Presidente della Repubblica di eleggere Senatori a Vita che, comunque, in queste condizioni, diventa un atto puramente formale e privo di significato Istituzionale.

Ogni partito, in queste condizioni, può pensare di appropriarsi del Senato, ma si appropria di un guscio vuoto e privo di una reale funzione legislativa.

Troppe persone ambiscono a diventare le padrone dell’Italia e non è detto che, una volta distrutte le Istituzioni, sia la persona che pensiamo noi: l’Hitler e il Mussolini è sempre in agguato per impossessarsi delle Istituzioni.

Quelli di destra pensano di essere loro ad impossessarsi delle Istituzioni; quelli di Sinistra pensano di impossessarsi delle Istituzioni, ma non dimentichiamo che noi cittadini siamo gli oggetti posseduti da Istituzioni che stanno distruggendo la Repubblica. E’ inutile che la Costituzione mi garantisca la libertà religiosa, se io posso essere aggredito o non posso manifestare le mie idee religiose perché la modifica del codice penale rende impossibile la salvaguardia del mio diritto. E’ inutile che nella Costituzione ci sia la proibizione di torturare le persone ma si proteggono i Poliziotti torturatori, picchiatori e criminali.

Ed è ciò che sta avvenendo, si svuota la Costituzione di efficacia giuridica rendendo impossibile fruire dei diritti Costituzionali in modo da poter stuprare indisturbati i cittadini.

Si tratta di un colpo di stato che viene fatto non solo nella società, ma attraverso l’abbattimento.

Cosa impedisce alle cosche locali che inquinano, in assenza di Partiti Politici, come lo sfascio a Napoli del Partito Democratico in totale sbandamento, di infiltrare le Istituzioni Locali e ottenere nomina di senatori?

Come in questa situazione:

Campania. Misure cautelari a imprenditori dei Casalesi: a Di Lauro appalti del Cardarelli


È Ferdinando Di Lauro, l'imprenditore che ha avuto per anni quasi il monopolio degli appalti al Cardarelli, uno dei due destinatari dell'ordinanza spiccata dal gip su richiesta della Dda di Napoli. Con lui, nel blitz di oggi, è stato arrestato il socio, Andrea Grieco. L'indagine è stata coordinata dal pool antimafia coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli e condotta dai carabinieri del comando provinciale di Caserta.

Secondo le indagini, Di Lauro era espressione diretta del boss Antonio Iovine che oggi, da pentito, lo accusa. L'operazione ha portato anche al sequestro di beni per due milioni e mezzo di euro ad opera del Gico della guardia di finanza. Al centro delle accuse la turbata libertà degli incanti rispetto alla realizzazione dell'area Pip di Aversa, opera che non ha mai visto la luce.

Secondo l'accusa tra il 2007 e il 2011 grazie alle «amicizie» nel Comune di Aversa, Di Lauro riuscì ad aggiundicarsi l'appalto da 21 milioni per la realizzazione dell'Area Pip. Nell'inchiesta risulta indagato anche Vincenzo Di Federico, un altro imprenditore ritenuto vicino a Di Lauro e, quindi, a Iovine.

Secondo il pentito Iovine, Di Lauro non solo lo ha aiutato durante la sua latitanza, ma ha avuto rapporti stabili con la malavita del Vomero e del centro di Napoli, in particolare con i Mazzarella. Il collaboratore di giustizia sostiene che "Di Lauro aveva rapporti diretti con i gruppi criminali che controllano il Cardarelli e in un caso fece anche da intermediario tra loro e Michele Zagaria".

Tratto da:
http://www.ilmattino.it/caserta/appalto_a_imprenditore_dei_casalesi_due_misure_cautelari-1759459.html


E in Veneto la situazione è ancora peggiore, basta pensare ai miliardi di Euro sottratti al territorio con le operazioni di Veneto Banca, Banca Popolare di Vicenza, Banco Popolare. Miliardi di Euro spariti con la complicità di magistrati che per stupidità o per complicità, Fojadelli aveva rapporti con la Banca Popolare di Vicenza, hanno aiutato a creare questo disastro economico: cosa impedisce a loro di entrare nel Senato passando per gli enti locali come Sindaci o Consiglio Regionale?

Nessun commento:

Posta un commento