La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

domenica 22 gennaio 2017

Trump e i poteri forti che dominano il mondo

E' facile, per chi conosce l'ideologia
cristiana, riconoscere in Gesù le
strategie di distruzione
della società.
Spesso si sente parlare dei “Poteri forti” che dominano la scena politica, economica e ideologica del mondo e che starebbero dietro a questo o a quel politico, a questa o a quella amministrazione dell’economia, della politica e della società.

E’ indubbio che questi poteri forti esistono in quanto per concentrare la ricchezza, con essa il controllo delle persone, è necessaria una struttura di controllo politico-economica che garantisca i meccanismi generali. La moneta è un mezzo, se il mezzo cessa di rappresentare la quantità e la qualità dei beni a cui è garantito l’accesso mediante la moneta, la moneta perde il suo valore e il suo ruolo sociale. Questo vale anche per la politica, se il metodo di gestione politica di un paese non è in grado di controllare la popolazione di quel paese, va cambiata la struttura politica di quel paese e il cambiamento è sempre un cambiamento violento in quanto il cambiamento della struttura politica implica la distruzione di una parte della popolazione i cui interessi sono o erano rappresentati dalla struttura politica precedente.

Come cittadini non ci poniamo il problema di individuare le persone che detengono i “poteri forti” perché non abbiamo la capacità di fare intercettazioni telefoniche, perquisizioni o raccogliere dati in maniera sistematica da archivi segreti o riservati.

Però come cittadini assistiamo a quadri generali in cui i vari comportamenti politici ed economici sono inseriti e da quei quadri generali siamo in grado di individuare la generalità dei “poteri forti” e la direzione in cui quei “poteri forti” agiscono. In altre parole, l’ideologia dalla quale i “poteri forti” attingono le loro strategie di dominio.

Dal momento che quei “poteri forti” non agiscono al di fuori della società, i fenomeni sociali a cui assistiamo manifestano un insieme che li ha generati. Manifestano sia un’ideologia che una progettualità che è facile riconoscere.

Prendiamo pure quattro Presidenti USA, Bush, Obama, Trump e un Altro (altro inteso come ipotetico nome generico).

Secondo voi qual è la strategia socio economica che hanno messo o mettono in atto?

Si è educati socialmente ad osservare i singoli atti perché, violentati nella struttura psichica fin dall’infanzia, pensiamo che l’uomo sia creato ad immagine di un dio pazzo, cretino e deficiente e valutiamo gli atti, volenti o nolenti, nell’ambito della volontà creatrice del dio padrone. Valutiamo uno buono e l’altro cattivo: ma questi quattro personaggi a che cosa si sono adattati?

Ai “poteri forti” a cui loro hanno prestato non solo la faccia, ma anche il cervello e le emozioni in cambio di benessere personale.

Quali sono le “regole” dettate loro dai “Poteri forti”. I “poteri forti” non hanno detto loro che cosa dovevano o non dovevano fare. Loro hanno scelto che cosa fare, ma il fine per cui farlo era dettato dal “potere forte”.

Non è importante se il “potere forte” può essere indicato nella “Trilaterale” o nel “Fondo monetario internazionale”, in Davos, nel G7, nel G20, ecc.

La storia è questa:

I “poteri forti” decisero di far gestire il mondo dai loro servi. Chiamarono Bush, Obama, Trump e un Altro e dettero loro lo stesso potere ciascuno. A ciascuno, con la presidenza USA, i “Poteri forti” dettero loro una mina.
Poi i “poteri forti” lasciarono i loro servi a gestire la loro mina: la Presidenza USA.
Quando i “Poteri forti” tornarono chiamarono i loro servi e chiesero conto delle mine che avevano date loro.
Così Bush disse. La mia mina ha fruttato, ho distrutto l’Iraq e costruito uno stato di guerra di religione in tutto il medio oriente.

Bravo servo fedele, dissero i “poteri forti”: "Bene, servo buono, gli rispose, perché sei stato fedele nel poco, prendi il governo di dieci città".

Così Obama disse. La mia mina ha fruttato, ho quasi distrutto l’Egitto, ho distrutto la Libia e la Siria alimentando la guerra di religione nel medio oriente.

Bravo servo fedele, disse il “potere forte”: "Tu pure, gli rispose, sii a capo di cinque città".

Quando il “Potere forte” si rivolse a Trump, Trump così rispose: “Abbi pazienza, ho appena incominciato, fin dal primo giorno sto togliendo l’assistenza sanitaria ai disgraziati statunitensi, vedrai che farò meglio dei miei predecessori. Sono il più grande Presidente che tu, Dio, hai creato!”
Bravo servo fedele, disse il “potere forte”: “continua così e avrai il governo di molte città.”
Un Altro così disse: “La carica di Presidente USA che mi ha i dato “io l’ho custodita avvolta in un pezzo di panno. Ho avuto paura di te, che sei un “Poteri Forti” severo; tu cogli ciò che non hai piantato, e mieti ciò che non hai seminato” per questo l’ho usata per migliorare le condizioni di vita degli abitanti della terra. Migliorare la loro libertà perché loro non abbiano paura di te.”

Furioso i “Poteri Forti” gli dissero: "Dalle tue parole ti giudico, servo iniquo! Tu sapevi che io sono un “Poteri Forti” severo, che colgo ciò che non ho piantato, e mieto ciò che non ho seminato! Perché, dunque, non hai messo il mio denaro in una banca? Al mio ritorno io l'avrei potuto esigere con l'interesse"

“Altro” dissero i “poteri forti” “avresti dovuto dare i soldi alle banche che avrebbero provveduto a spremere i cittadini, a derubare i cittadini costruendo delle condizioni di miseria.”

E i “poteri forti” sentenziarono: "Riprendetegli il potere di Presidente e datelo a colui che governa dieci città”. Gli osservarono: " “potere forte”, egli ha dieci mine". E il “poteri forti” disse: "lo vi dico: a chi ha sarà dato, ma a chi non ha sarà tolto anche quello che ha. Intanto conducete qui i miei nemici, quelli che non volevano che io regnassi sopra di loro, e sgozzateli in mia presenza”.

Questa è la strategia dei “poteri forti”. Non è importante chi diventa Presidente USA, obbedisce sempre a questo meccanismo portando distruzione e miseria nel mondo. Come nei film USA dove l’eroe distrugge tutto perché è incapace di portare i mattoni sulle spalle o di arare un campo senza distruggere tutta la natura.
Claudio Simeoni

NOTA: citazione parafrasata del Vangelo di Luca 19, 11-27, unica ideologia conosciuta negli USA.


Nessun commento:

Posta un commento