La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

giovedì 16 marzo 2017

Il populismo alleato all'integralismo islamico

Le elezioni Olandesi decretano il fallimento delle strategie del Matteo Renzi d’Olanda.

Il Partito Laburista, che possiamo considerare il Partito Democratico Italiano, ha messo in campo un’alleanza con la destra olandese di Mark Rutte, esattamente come Matteo Renzi ha messo in campo un’alleanza con Silvio Berlusconi
Gli elettorati sono profondamente diversi. Hanno sensibilità diverse e un diverso modo di pensare la società. Non si possono mescolare elettori di destra ed elettori di sinistra.

Se a Silvio Berlusconi fa comodo cercare di mettere le mani sull’elettorato del Partito Democratico, sta di fatto che agli elettori del Partito Democratico, in particolare lo zoccolo ideologicamente meno coinvolto nell’ideologia cristiana, ex ulivo, non va assolutamente bene un’alleanza con Silvio Berlusconi.

Matteo Renzi non è in grado di percepire l’elettorato del Partito Democratico: Matteo Renzi adora il dio padrone, non è al servizio dei cittadini. Matteo Renzi, come Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Beppe Grillo, si considerano i padroni dei cittadini ad immagine e somiglianza del dio padrone davanti al quale costringono bambini in ginocchio.

Va da sé che in Olanda, il tipo di alleanze fatte dai laburisti ha fatto sparire il Partito Laburista, come farà sparire il Partito Democratico capitanato dall’adoratore del macellaio di Sodoma e Gomorra Matteo Renzi.

Questi sono i dati con gli spostamenti elettorali in Olanda.




Partito popolare per la libertà e la democrazia  VVD       Mark Rutte        21.3%    –5.2%   33           –8
Partito per la Libertà      PVV       Geert Wilders   13.1%    +3.0%   20           +5
Appello Cristiano Democratico  CDA       Sybrand Buma  12.5%    +4.0%   19           +6
Democratici 66  D66        Alexander Pechtold       12.0%    +4.0%   19           +7
Partito Socialista              SP           Emile Roemer   9.2%      –0.4%   14           –1
GroenLinks        GL          Jesse Klaver       8.9%      +6.6%   14           +10
Partito Laburista              PvdA     Lodewijk Asscher            5.7%      –19.1% 9             –29
Unione Cristiana              CU          Gert-Jan Segers               3.4%      +0.3%   5             –
50PLUS 50+        Henk Krol            3.1%      +1.2%   4             +2
Partito per gli Animali    PvdD     Marianne Thieme           3.1%      +1.2%   5             +3
Partito Politico Riformato            SGP       Kees van der Staaij         2.1%      +0.0%   3             –
DENK    DENK    Tunahan Kuzu   2.0%      –             3             +3
Forum della Democrazia              FvD        Thierry Baudet 1.8%      –             2             +2
VoorNederland               VNL       Jan Roos              0.4%      –             0             –
Partito Pirata     PP          Ancilla van de Leest       0.3%      +0.0%   0             0


Matteo Renzi, con Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Bebbe Grillo sono percepiti dagli elettori del Partito Democratico allo stesso modo di Geert Wilders e da tali operazioni politiche intendono tenersi lontani.

Ricordo che le elezioni politiche che hanno permesso a Matteo Renzi di devastare l’Italia come primo ministro, non sono state vinte da Matteo Renzi, ma da Pierluigi Bersani.

La fine dei populismi in Europa è iniziata il 04 dicembre 2017 con il NO al referendum in Italia e la sconfitta del populismo in Austria.

Ora ci sono tre populismi al potere che stanno circondando l’Europa. Trump negli USA, May Teresa. in Gran Bretagna e Erdogan in Turchia.

La rabbia di Erdogan per il voto Olandese l’abbiamo sentita ed Erdogan non ha migliori alleati che altri integralisti populisti. I migliori alleati di Erdogan e dell’islamismo con cui Erdogan ha rivestito la bandiera turca sono Geert Wilders, Marine Le Pen, Matteo Renzi, Matteo Salvini, Silvio Berlusconi e Beppe Grillo.

Per fermare Erdogan e gli integralisti islamici è necessario fermare gli integralisti cristiani in Italia e in Francia. Integralisti come Matteo Renzi, Silvio Berlusconi, Bebbe Grillo e Matteo Salvini.


Claudio Simeoni

Nessun commento:

Posta un commento