La Boje

La boje, la boje, teare che a va par sora! Ma mi no ghè sarò.

Il ragazzo con la rana

Il ragazzo con la rana
Muore il fanciullo e nasce l'adulto Umano; muore il girino e nasce l'adulto Rana. La Morte come nascita è ciò che i veneti hanno dimenticato. Per questo c'è crisi economica e angoscia sociale.

mercoledì 12 luglio 2017

Il Veneto Islamico in una società italiana islamizzata

L’Italia sta diventano come un paese islamico.

I cittadini italiani non hanno più nessuna possibilità di avere giustizia per i torti, le angherie e le violenze subite ad opera delle Istituzioni.

Pensiamo alla Regione Vento che sputa e deride le sentenze del TAR e un TAR che dopo aver sentenziato, quando la sua sentenza viene derisa e sbeffeggiata, al successivo ricorso dice al ricorrente “ma tanto ti protegge la legge” e mentre il TAR risponde in questo modo, la Regione Veneto, con le sue bande armate travestite da cacciatori che sparano vicino alle case a scopo di intimidazione e minaccia, con l’aiuto e la complicità della Polizia di Stato, manda i picchiatori a picchiare chi non si mette in ginocchio davanti al pederasta in croce.

Tanto, sia i magistrati che la Polizia di Stato minacciano i cittadini con l’esposizione del crocifisso legittimando la sostituzione dei principi Costituzionali (e dei loro doveri che da tali principi derivano) con i principi dell’assolutismo nazista rappresentati dall’assolutismo del crocifisso. Il maiale che pretende che tutti gli uomini si mettano in ginocchio davanti a lui in quanto lui è il figlio del dio padrone e fa quello che vuole: come i magistrati e la Polizia di Stato che si diverte a minacciare i cittadini puntando loro la pistola alla testa.

Se quelli elencati sopra sono episodi specifici vissuti personalmente, appare drammatica la situazione delle famiglie italiane in cui viene denunciata la violenza di uno dei due coniugi e la Polizia di Stato interviene in modo assolutamente superficiale, spesso alimentando essa stessa le condizioni che portano all’omicidio. E’ un effetto del crocifisso esposto nei posti di polizia. Chi denuncia i torti viene deriso perché, secondo l’ideologia del crocifisso, è Dio che gli ha inviato i dolori e le prove e chi sono quelli della Polizia di Stato per intervenire contro il volere di Dio? Recentemente c’è stata una retata contro il lavoro nero in Puglia e nel sud d’Italia, ma vorrei ricordare che per difendere il diritto degli imprenditori di praticare il lavoro nero, i magistrati hanno torturato chi ha posto il problema perché, secondo loro (e alcuni di questi magistrati sono tutt’ora in servizio), il lavoro nero è un diritto degli imprenditori: per me era un reato, ma col crocifisso si pensa diversamente o abbiamo dimenticato come vengono pagati i lavoratori della vigna?

Assistiamo, in maniera marcata in Veneto, a questo processo di islamizzazione della società civile in cui Dio detta le regole e le norme, sputa sulla nostra Costituzione in un progetto sempre più accentuato di aggressione ai diritti Costituzionali.

La società Veneta si islamizza in nome del cattolicesimo.

I Veneti rispondono a questo processo di islamizzazione nello stesso modo con cui gli abitanti dei paesi islamici rispondono all’integralismo islamico trasferito nel sistema giuridico: con l’indifferenza.

L’indifferenza passiva rispetto alla cosa pubblica è diventato l’atteggiamento che i cittadini Veneti (nella mia analisi), ma credo in tutta Italia, sta mettendo in atto rispetto alla violenza della Polizia di Stato, dei giornalisti RAI e Mediaset, dello strapotere di Istituzioni che ormai usano il loro ufficio come se fosse un’arma di distruzione di massa.

L’islamizzazione del Veneto in nome del crocifisso sta procedendo a passi da gigante. La violenza con la quale si costringono i bambini in ginocchio per costringerli alla fede cattolica ha avuto nella Procura della Repubblica di Belluno i suoi paladini in nome del crocifisso. E’ in nome del crocefisso che la Procura della Repubblica di Belluno ha ritenuto che i cittadini non dovessero indignarsi se le suore cattoliche, per diffondere la fede cattolica, mettevano in atto azioni di violenza nei confronti dei bambini del Sanguinazzi di Feltre.

La difesa personale, la difesa delle proprie condizioni di vita, il rifiuto di avere dei bambini, il rifiuto di fare acquisti oltre il necessario, rappresentano quelle azioni di difesa personale che se da un lato proteggono i cittadini del Veneto dalle aggressioni, dall’altro lato mettono sempre più in difficoltà una società che usa la violenza islamica, tipo Isis, contro i cittadini da parte della Polizia di Stato, dei Magistrati, della Regione Veneto e delle Istituzioni che dovrebbero tutelare i cittadini e la loro sicurezza.

Nel nuovo Stato Islamico del Veneto, tutto diventa precario. Tutto diventa incerto. Tutto nega il futuro ad ogni cittadino che si trova da un lato vessato dalle norme e dall’altro lato non trova corrispondenza quando le norme sono violate a suo danno.

Come nei paesi islamici l’indifferenza è l’unica arma di difesa del cittadino, così in Italia l’indifferenza diventa il metodo di difesa dall’assolutismo cattolico.

Ne abbiamo avuto un esempio alle ultime elezioni amministrative. Mentre al referendum sulla Costituzione la partecipazione della popolazione è stata massiccia, alle ultime elezioni amministrative c’è stato un disinteresse diffuso: tutti voi, hanno detto i cittadini, fate del male ai cittadini nel medesimo modo.

Nel processo di costruzione dell’Italia come uno Stato Islamico alle dipendenze del Vaticano, la risposta dei cittadini non è la violenza, che implica una richiesta di ascolto da parte delle Istituzioni, ma è l’indifferenza apatica che nega alle Istituzioni il diritto di essere Istituzione.


 Claudio Simeoni

Nessun commento:

Posta un commento